Maroggia’s Mill Cookbook: Rye flour, Thymian and Orange Cake / Il Ricettario del Mulino di Maroggia: Cake alla farina di segale, timo e arancia

Orange is one of the most versatile fruits that we can find in the kitchen. Whether it is sliced, juiced or peeled, orange is found in countless recipes. Both sweet and savoury. Habit, at least for what concerns me, often leads to combine it with the same ingredients, especially when it comes to sweets and cakes. Cinnamon and dark chocolate, a classics. In this recipe I developed for Maroggia’s Mill Cookbook I decided to combine orange with an aromatic herb that I love very much, thyme. The result is fresh and very fragrant. Especially given the contrast with the more rustic flavour of Maroggia’s Mill rye flour. A true discovery! This cake is excellent with a good cup of tea, I’m sure it will bring a bit of sun in these chilly days. Are you ready? Then roll up your sleeves!

Rye flour, Thymian and Orange Cake

270 g rye flour
180 g turbinado brown sugar
120 g butter, at room temperature
3 eggs
1 organic orange
4 g bicarbonate
9 g baking powder
1 dried thyme

To begin wash the orange, cut it into slices half a centimetre thick and put them aside.
In a bowl whisk the eggs with the cane sugar, add the butter and work until you obtain a smooth and homogeneous cream.
Add the rye flour already mixed with the thyme, baking powder and bicarbonate, and stir with a wooden spoon from the bottom up so as not to deflate the eggs.
Pour the mixture into a well buttered plum cake mould and place the slices vertically, spacing them evenly.
Bake in preheated oven at 180° C for 40′.
If half-cooked the cake starts to take a lot of colour, cover with aluminium foil to prevent it from burning.
Check that the cake is evenly cooked by inserting a toothpick into its centre.
If the toothpick comes out dry and clean the cake is thoroughly baked.
Otherwise leave the cake in the oven to bake for a sufficient time.
Out of the oven let the cake cool 5′ before removing it from the mould.
Allow to cool completely on a wire rack.

Il Ricettario del Mulino di Maroggia: Cake alla farina di segale, timo e arancia

L’arancia è uno dei frutti più versatili che troviamo in cucina. Fermatevi a pensare, che sia in spicchi, il succo oppure la sua scorza, l’arancia si trova in innumerevoli ricette. Dolci o salate che siano. L’abitudine, almeno per quel che mi riguarda, porta spesso ad abbinarla con gli stessi ingredienti, soprattutto quando si parla di dolci. Cannella e cioccolato fondente. Insomma i classici. Per questa torta per il Ricettario del Mulino di Maroggia ho deciso di unirla a un’erba aromatica che amo molto, il timo. Il risultato è fresco, profumatissimo. Soprattutto visto il contrasto con il sapore più rustico della farina di segale del Mulino di Maroggia. Una vera scoperta! Ottima con una buona tazza di tè, sono sicura porterà il sole in queste giornate ancora un poco freddine. Andiamo a rimboccarci le maniche?

Cake alla farina di segale, timo e arancia

270 g farina di segale del Mulino di Maroggia, disponibile presso le filiali di Migros Ticino
180 g zucchero di canna
120 g burro a temperatura ambiente
3 uova
1 arancia biologica
4 g bicarbonato
9 g lievito per torte
1 c timo essiccato

Per cominciare lavate l’arancia, tagliatela a fette di mezzo centimetro e mettete le fette da parte.
In una ciotola montate le uova con lo zucchero di canna, aggiungete il burro e lavorate fino ad ottenere una crema liscia e omogenea.
Aggiungete la farina di segale già mescolata con il timo, lievito e il bicarbonato, e mescolate con un cucchiaio in legno, dal basso verso l’alto così da non smontare le uova.
Versate il composto in uno stampo da plumcake ben imburrato e infilate le fette in verticale, spaziandole tra loro in maniera uniforme.
Cottura in forno preriscaldato a 180° C per 40′.
Se a metà cottura la torta inizia a prendere molto colore coprite con un foglio di alluminio per evitare che bruci.
Controllate che la torta sia cotta uniformemente infilando uno stuzzicadenti al suo centro.
Se lo stuzzicadenti esce asciutto e pulito la torta è cotta.
In caso contrario lasciate la torta in forno a cuocere ulteriormente per il tempo sufficiente.
Fuori dal forno fate raffreddare 5′ prima di togliere la torta dallo stampo e fate raffreddare completamente su una gratella.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...