MTChallenge n° 61: Hunger for tiramisu / MTChallenge n° 61: Miriam mangia il tiramisu a mezzanotte

miriam-mangia-tiramisu-a-mezzanotte-1

Here I am, after oh so many tribulations, ready once more to participate to this month’s MTChallenge.This month’s recipe is only apparently an easy one to whip up: tiramisu. Susy literally threw at us a proper hand grenade…one able to shatter nerves and make our clothes explode under the pressure of fat and calories! Who would have imagined that making tiramisu would be so difficult? I’ll spare you all details of the various problems, errors and frustration I encountered all through my tiramisu journey on order to come up with a recipe that if only I had the skills would be a scream. No pastry skills, no party. What I managed to come up with is rather a tiramimoscio (an italian word I invented to describe my flaccid tiramisu). But I can assure you that if you do have the pastry skill necessary in order to make a proper tiramisu this recipe is truly remarkable. You can either choose to have it as tiramimoscio or a tiramifreddo (another invented word for the frozen version of this dessert). In fact those two version can be easily interpreted as the sweet incarnations of the two female characters from the film from which I drew inspiration: “The Hunger”.
hunger
A cult movie dating from ’80s “The Hunger” follows the lives of vampire couple John and Miriam, played by David Bowie and Catherine Deneuve, and their encounter with a doctor committed to finding a remedy that could prolong life, Sarah. Their destinies cross when John, the companion of Egyptian vampire Miriam, inexplicably begins to waste away despite the promise of eternal life made to him by his partner 300 years before. John seeks the help of Sarah, played by Susan Sarandon, who at first does not believe the story of his sudden ageing. She bumps into him a few hours later their first encounter and discover he has aged dramatically. Mortified she tries to track him down and eventually ends up finding the house where the two vampires live, where she is seduced and vampirised by Miriam. The film takes place in the city of New York which somehow seems to almost stop and bend over the paced rhythm of the classical music played by the very elegant couple of vampires.

david-bowie-catherine-deneuve-e-susan-sarandon-in-miriam-si-sveglia-a-mezzanotte-ph-willie-christie-e1453472978996

Fascinating and mysterious, and dressed from head to foot by YSL, Miriam is the prototype of the femme fatale par excellence. She mercilessly seduces her companions, promising them eternal life except from abandoning them to their fate when they succumb to a mysterious illness which triggers sudden ageing accompanied by an inevitable and eternal lethargy. The most famous scene from the film is its opening, in which John and Miriam go hunting for food in a club to the tune of “Bela Lugosi Is Dead” by Bauhaus. Catherine Deneuve always takes the lead, as in Sarah’s seduction scene, with an attitude that likens her to a mistress of some exclusive domination house. I can barely think of another cinema icon being sexier, and classier, than her.

predateurs-1983-11-g

The dessert was conceived as the embodiment of all three main characters. The coffee recalls John and Miriam’s first encounter in the 18th century, an age during which tea, chocolate and coffee became an obsession for the wealthiest. Dried apricots represent Sarah, an innocent and sweet character who deeps inside hides a darker side to her…a sour note, which make of her the worthy successor to Miriam. The lady fingers, it goes without saying, are soaked in blood coloured raspberry juice.

I have to be honest. The lady fingers which were used for the photographed recipe were bought, while the first test recipe was made with home made ladyfingers flavoured with tonka bean. This is important as the dessert made with home made lady fingers is from a other planet! The recipe for the biscuits is from Giulia’s post on MTC’s blog.

Tonka Bean flavoured Ladyfingers
Makes about 45 biscuits

165 g white AP flour
75 g potato starch
190 g sugar
150 g egg whites
120 g egg yolk
35 g honey (acacia or millefiori)
1/4 grated tonka bean
icing sugar

Separate the egg whites from the yolks.
Beat the egg whites with an electric mixer and when doubled in volume add the sugar in two or three times, always beating and increasing the speed.
After about 10′-12′ the egg whites will be stiff.
Meanwhile beat the egg yolks with the honey, then add this mixture to the egg whites using a spatula folding in with movements from the bottom up.
Add the sifted potato starch and flour and grated tonka bean, always using the spatula making the same motion.
Fold in the dry ingredients in just a few movements, try to be rapid but delicate.
Pre-heat the oven to 180° C.
Fill a sac-à-poche with smooth 10-14 mm diameter nozzle.
Make 8 cm long biscuits directly onto a baking sheet covered with parchment paper.
Dust with icing sugar, wait until it’s all absorbed and sprinkle again.
Before baking the sugar must be completely absorbed.
Bake in the preheated oven (possibly static), for the first 3′ keeping the door closed.
Open the door only slightly and bake for a further 4′-5′.
I recommend to bake one cookie sheet at a time, otherwise the sponge fingers of the bottom shelf will collapse when out of the oven.
Remove from the oven and let cool completely before removing from the parchment paper, since they will be very soft.

Hunger for tiramisu

400 g ladyfingers
120 g dried apricots, softened in warm water and finely chopped with a knife

Juice
500 g frozen raspberries
170 g water
30 g grappa (american grape brandy)

Place raspberries and water in a pan and thaw them at medium-high heat.
Remove from heat and strain the juice.
Mash the pulp well with a wooden spoon in order to get the most juice.
Let cool and add the brandy.

Mascarpone and Coffee Cream

500g mascarpone

Pâte à bombe
6 egg yolks (63 g eggs)
35 g water
110g caster sugar
1 tbsp soluble coffee

In a small pan combine the water, granulated sugar and instant coffee and bring to a boil.
With a sugar thermometer check that the liquid sugar reaches 115 ° C and then start to beat the egg yolks into a standup mixer.
When at 121° C coupled slowly add the sugar syrup to the yolks and continue to beat with a whisk at medium/sustained speed until the mixture is foamy and the bowl almost cold.
Mix 1/3 of the mixture to 250 g of mascarpone to soften it, then fold together the two compounds using a rubber spatula making delicate movements not to deflate the cream.

Italian meringue
6 egg whites (63 g eggs)
85g caster sugar
30 g water

In a small saucepan mix together the granulated sugar and water and bring to a boil.
Meanwhile whisk the egg whites.
When the liquid sugar reaches 121° C coupled mix gradually into the egg whites and continue to beat with a whisk at medium/sustained speed until the bowl has completely cooled.
Mix 1/3 of the mixture to 250 g of mascarpone to soften it, then fold together the two compounds using a rubber spatula making delicate movements not to deflate the cream.

Mix together the two creams using a rubber spatula and use immediately.
Wet the sponge fingers with the raspberry juice and arrange them on the bottom of a pyrex dish.
Cover them with cream and sprinkle with dried apricots.
Continue alternating layers of ladyfingers soaked in the juice, cream and apricots.
Now, if your cream holds well the result will be a delicious tiramisu.
If you are a disaster like me I recommend you cover the pyrex dish with plastic wrap, assemble the dessert, cover with clingfilm and let it stand in the freezer for at least 4-5 hours to obtain a delicious frozen dessert.

miriam-mangia-tiramisu-a-mezzanotte-2

MTChallenge n° 61: Miriam mangia il tiramisu a mezzanotte

Ed eccomi, finalmente dopo tante tribolazioni, a partecipare all’ennesimo MTChallenge.La sfida di questo mese riguarda un dolce oramai entrato a far parte dei classici della cucina casereccia italiana…il tiramisù. Susy ha lanciato una bomba a orologeria…a prova di nervi e di linea! Chi l’avrebbe mai detto che fare il tiramisù fosse così complicato? Vi risparmio tutti i vari problemi, gli errori e la frustrazione per arrivare ad una ricetta che sulla carta sarebbe perfetta se non fosse per la mia inabilità. Inabilità, avete letto bene. Io questo benedetto tiramisù non penso di essere riuscita a farlo in maniera decente. Insomma, mi è venuto un po’ un tiramimoscio. Ma vi assicuro che se avete la maestria necessaria nelle mani la combinazione di gusti che ho scelto per questa ricetta è veramente notevole. Motivo per il quale giustamente ho deciso di condividere con voi la mia creatura nelle sue due diverse incarnazioni: il tiramimoscio e il tiramifreddo. Potrebbero anche essere lo specchio dei due personaggi femminili del film dal quale ho tratto ispirazione: “Miriam si sveglia a mezzanotte”.

hunger

Film di culto degli anni ’80 “The Hunger” (l’appetito in inglese) vede come protagonisti una coppia di vampiri (John e Miriam, rispettivamente David Bowie e Catherine Deneuve) e una dottoressa, Sarah, impegnata nella ricerca di un rimedio che possa prolungare la vita. I loro destini si incrociano nel momento in cui John, il compagno della vampira egizia Miriam, inizia inspiegabilmente a deperire nonostante la promessa della vita eterna fattagli dalla compagna 300 anni prima e si rivolge alla dottoressa per cercare di bloccare il processo di invecchiamento che lo ha colpito. Sarah, interpretata da Susan Sarandon, sulle prime non gli crede ma rimane sconvolta quando lo trova incredibilmente invecchiato dopo alcune ore di attesa nella sala d’aspetto dell’ospedale nel quale lavora. Mortificata cerca di rintracciarlo e si reca a casa dei due vampiri dove viene sedotta e vampirizzata da Miriam. Il film si svolge in una New York che sembra quasi fermarsi e piegarsi al tempo della musica classica suonata dalla coppia di vampiri, sempre elegantissimi, che vivono in una casa dal gusto retro che ben descrive il percorso lungo millenni fatto da Miriam.

david-bowie-catherine-deneuve-e-susan-sarandon-in-miriam-si-sveglia-a-mezzanotte-ph-willie-christie-e1453472978996

Affascinante e misteriosa, e vestita da capo a piedi da YSL, Miriam è il prototipo di femme fatale par excellence. Impietosa seduce i suo compagni di vita promettendo loro la vita eterna salvo abbandonarli alla loro sorte quando si ammalano di una strana forma di invecchiamento improvviso accompagnato da un’inevitabile ed eterna letargia. Celeberrima la scena di apertura del film, che sulle note di “Bela Lugosi is dead” dei Bauhaus vede John e Miriam andare a caccia di due prede delle quali nutrirsi. Catherine Deneuve la fa da padrona, come nella scena di seduzione di Sarah, con una attitude che facilmente la fa passare per la mistress di una qualche domination house esclusiva. Non so a voi, ma io difficilmente trovo che ci possa essere qualcuno di più seducente nella storia del cinema.

predateurs-1983-11-g

Il dolce è stato concepito come una sorta di incarnazione di tutti e tre i personaggi principali. Il caffè ricorda l’incontro tra gli amanti John e Miriam che avviene nel ‘700, secolo durante il quale the, cioccolata e caffè diventano generi alimentari di lusso richiestissimi dai nobili come i nostri due cari vampiri. L’albicocca invece rappresenta l’innocente Sarah, dolce ma con un potenziale pericoloso…asprigno per l’appunto, che la porterà ad essere la degna erede di Miriam. I savoiardi, ça va sans dire, sono imbevuti in un succo di lamponi dal colore particolarmente evocativo…

Ci tengo a fare delle giuste precisazioni. I savoiardi usati per la ricetta fotografata sono stati comprati, mentre il primo test della ricetta è stato fatto con i savoiardi home made all’aroma di fava tonka. Trascrivo la ricetta perché ritengo che questi savoiardi siano indispensabili per rendere il dolce quello che è, una cannonata! La ricetta dei savoiardi è copiata para para dal post di Giulia sul blog dell’MTC.

Savoiardi alla fava tonka
x circa 45 biscotti

165 g farina 00
75 g fecola di patate
190 g zucchero
150 g albume d’uovo
120 g tuorlo d’uovo
35 g miele (di acacia o millefiori)
1/4 di fava tonka grattugiata
zucchero a velo

Separate gli albumi dai tuorli.
Montate gli albumi con le fruste elettriche; quando raddoppiano di volume aggiungete in due o tre volte lo zucchero, sempre montando ed aumentando la velocità.
Dopo circa 10-12 minuti saranno montati a neve ferma.
Nel frattempo sbattete i tuorli con il miele, quindi unite questo composto alle chiare montate usando una spatola e con movimenti dal basso verso l’alto.
Unite quindi la farina e la fecola setacciate e la fava tonka grattugiata, sempre con lo stesso movimento.
Fate pochi movimenti, rapidi ma delicati.
Pre-riscaldate il forno a 180°C.
Riempite una sac-à-poche con bocchetta liscia da 10-14 mm.
Formate dei bastoncini lunghi circa 8 cm su una teglia coperta di carta forno e leggermente imburrata.
Spolverate con lo zucchero a velo, aspettate che sia assorbito e spolverate di nuovo (servirà a far venire la crosticina superficiale). Quando li infornate lo zucchero dovrà essere completamente assorbito.
Cuocete in forno già caldo (e possibilmente statico) per i primi 3 minuti con lo sportello chiuso e poi per altri 4-5 minuti con lo sportello leggermente aperto (basterà incastrare il manico di un cucchiaio di legno nella porta per mantenerla socchiusa).
Mi raccomando infornate una teglia alla volta, sennò i savoiardi della teglia del ripiano inferiore collasseranno appena sfornati.
Sfornate e fate raffreddare completamente prima di rimuoverli dalla teglia, poiché saranno molto morbidi.

Miriam mangia il tiramisu a mezzanotte

400 g savoiardi
120 g di albicocche essiccate fatte rinvenire in acqua calda e tritate fini al coltello

Bagna
500 g lamponi congelati
170 g acqua
30 g grappa di uva americana

In un pentola unite i lamponi all’acqua e fate scongelare a fuoco medio-alto.
Togliere dal fuoco e filtrate il tutto con un colino a maglia fitta.
Schiacciate bene la polpa con un cucchiaio di legno per ottenere più succo possibile.
Fate raffreddare e aggiungete la grappa.

Crema al mascarpone e caffé

500 g mascarpone

Pâte à bombe
6 tuorli (uova 63+)
35 g acqua
110 g zucchero semolato
1 C di caffé solubile

Unite acqua, zucchero semolato e caffè solubile e portate a bollore.
Con un termometro da zucchero controllate che il liquido raggiunga 115° C e a quel punto iniziate a montare i tuorli nella planetaria.
Arrivati a 121° C unite a filo lo sciroppo di zucchero ai tuorli continuando a sbattere con la frusta ad una velocità medio/sostenuta finché il composto sarà spumoso e la ciotola quasi fredda.
Unite 1/3 del composto a 250 g di mascarpone per ammorbidirlo, dopodiché unite i due composti usando una spatola di gomma e facendo dei movimenti delicati per non sgonfiare la crema.

Meringa italiana
6 albumi (uova 63+)
85 g zucchero semolato
30 g acqua

In un pentolino unite acqua e zucchero semolato e portate a bollore.
Nel frattempo montate a neve gli albumi.
Con un termometro da zucchero controllate che il liquido raggiunga 121° C unite a filo lo sciroppo di zucchero agli albumi continuando a sbattere con la frusta ad una velocità medio/sostenuta finché la ciotola sarà raffreddata.
Unite 1/3 del composto a 250 g di mascarpone per ammorbidirlo, dopodiché unite i due composti usando una spatola di gomma e facendo dei movimenti delicati per non sgonfiare la crema.

Da ultimo unite le due creme e utilizzate subito la crema per comporre il dolce.
Bagnate dei savoiardi nella bagna e disponeteli sul fondo della vostra pirofila.
Copriteli con la crema e spolverate con le albicocche essiccate.
Continuate alternando strati di savoiardi imbevuti nella bagna, la crema e le albicocche.
Ora, se la vostra crema sarà fatta bene e con i vostri criteri avrete un delizioso tiramisù.
Se siete un disastro ambulante come me vi raccomando di rivestire la pirofila con pellicola alimentare, assemblare il dolce, ricoprirlo con pellicola e farlo congelare nel freezer per almeno 4-5 ore.
Avrete un semifreddo da paura!!!

con questa ricetta partecipo al MTChallenge a tema tiramisu

banner_sfida61-300x143

15 thoughts on “MTChallenge n° 61: Hunger for tiramisu / MTChallenge n° 61: Miriam mangia il tiramisu a mezzanotte

  1. Sei forte!! Ricordo le atmosfere torbide e misteriose del film, con una Deneuve sorprendente e superlativa. Lo rivedrei ora da adulta, chissà che effetto potrebbe farmi…sicuramente il tiramisù che hai elaborato pensando a Miriam mi fa un gran bell’effetto!!

  2. Ma la Sarandon sul letto di primo acchito mi sembravi te!! Ho pensato: ammazza che fotomontaggio 😂😂😂
    È vero che sono cecata eh…e che sto guardando dal cellulare a mia discolpa 😄
    Un film che suona ganzissimo, non fosse altro che per i protagonisti, un trio di tutto rispetto. Sulla bontà del tiramisù ti credo sulla parola. E continuo ad essere convinta che quei savoiardi sarebbero andati bene lo stesso… ;-)
    Un bacio!

  3. Eccola la mia signorina tutta rossa e tutta pepe che mi attizza appetito e sexytudine con una bomba calorica che farebbe resuscitare i morti!
    Pazzesca la presentazione, torbido e sexy il film con un David Bowie ficherrimo.
    Straordinaria come solo tu sai essere mia signora! Standing Ovation for you!!!

  4. Visto che c’era, il David?
    E pure la mia amata Susan Sarandon che, ahime’, ci perde eccome, nel confronto sexy della inossidabile Catherine. Il film mi manca (toh che strano), ma potrebbe piacermi, specie se riesco a sintonizzarmi sul distacco e sulla leggerezza con cui ce lo hai raccontato tu. Mentre questo tiramisu mi piace, senza condizionale alcuno. Bravissima!

  5. In quel film mi era piaciuta la Sarandon, più della Deneuve che ha una bellezza molto raffinata ma, per me, un po’ gelida. Del tuo tiramisù ne mangerei volentieri una bella porzione, qui, adesso.

    Complimenti!

  6. Maronnamia mica lo conosco questo film! Non sapevo niente sulla sua esistenza… Fratella faccio mea culpa e vedo di trovarlo da qualche parte perché potrebbe piacermi. E a parte David, c’è la Susan, che guarda caso è anche nel film che ho scelto io :))
    Di sicuro c’è che mi piace il tuo tiramisù. Ma mi domando, è da un po’ che nessuna delle due utilizza la liquirizia… Urge rimediare! :)

  7. Come sempre ti distingui per originalità, sei geniale! il tuo racconto mi ha incuriosita perché non conosco il film. Devo recuperare, soprattutto per gustare meglio il tuo tiramimoscio e tiramifreddo😃

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...