Food Immersion, impressions on the Festival and my first workshop! / Food Immersion, impressioni sul Festival e il mio primo workshop!

social1

Two weeks have passed since my return from Reggio Emilia and the fantastic experience of my first baking workshop. It seems like yesterday and like centuries ago as well. I had waited so long for the festival with mixed feeling, both of anxiety and excitement, typical of new experiences. At first I didn’t even know whether I would be able to take part to it, not sure they would take me onboard despite Antonella‘s enthusiasm and good words about my work. Why would a successful Food Festival, which hosts important and interesting names in its busy busy program, include me too? And suddenly I found myself in, with all the typical mistakes beginners make and the natural contingencies that derive from them.I won’t bore you with stories about the incomplete list of materials I sent to the girls, and won’t stress about completely forgetting to ask for a standup mixer, having compiled all documentation the day before leaving for Copenhagen (unprepared for the holidays let alone for the workshop, my much prided swissness going down the drain with age). One week before the festival my brain started to focus on the things needed for the workshop, and quickly realised my mistakes. But what we will talk about is how I managed to overcome all these problems, with a calmness, a use of hidden resources and sharpening of wits which certainly belong to my personality, but that until now had never really felt quite so tangible. What a beautiful feeling, a positive domino in which each problem was transformed instantly into a solution, into a resource. How was I able to conduct the workshop, having woken up at 4.30 A.M. and weakened by flu symptoms and the usual running in order not to miss the train connections is still a mystery to me. I did not stop for a moment since my arrival at Reggio Emilia at 9 A.M. and until the last bowl was clean at 8 P.M., and ended my day shattered but happy.

IMG_0389

Pilou and her Sunday breakfast / Luisa di Pilou prepara la sua fantastica colazione

Let’s proceed with a little order. September 20th, the train to Reggio Emilia is surprisingly on time and as I get off notice on the platform another girl who like me is loaded with bags and carries a trolley. I wonder if she is involved in festival too, but shyly walk past her finding my way to the city centre. We’ll meet later at the front desk of the hostel. Lorenza Dadduzio is Cucina Mancina‘s creative director. The website revolves around the topic of food allergies, and she’s at the festival to present their project. St. Peter Benedictine Cloisters, the beautiful location of the Festival, are not far and I get there in about five minutes. The girls of Papilla Brilla are already operating in full swing. They show me the room where the workshop will be held and hand me the pass with food stamps for the duration of my stay. After a rapid checking out of the space I head to the hostel to leave all unnecessary things and get ready for the setup and preparation of materials and ingredients for the workshop. At the hostel things go slow, the receptionist seems very relaxed about all and I encounter various problems trying to access the hostel’s wifi network (thank god I am a very intuitive person and managed to solve the problem on my own) so it takes about 10 minutes before I get handed my keys. A quick shower and back to the cloister, an hour in advance on schedule. Smart decision, as suspected things are not easy when so many events take place but with the help of the girls I manage to get my hands on the butter and salt, which I share, along with the work space, with the Angela Agrati-Prange. Angelica from the staff does a miracle and gets hold of more bowls for me, a great help in the chaos caused by my not so thorough list of material needed. Lucia kindly brought her Kitchen Aid and Daniela gathered for me some cutting boards that had been used during a previous workshop. Slowly relaxing, but the anxiety not yet completely shaken off, I start preparing the doughs. I’m so nervous I admit making some major mistakes with the mixing up a couple of them…thank god my hands can do miracles and a few folds and some violent kneading made the trick. Finished with kneading, I realize that it is already quite late being 3 P.M. and I have not had lunch yet (except from a slice of pizza kindly offered to me by Angela and her friend, who’s name unfortunately I cannot remember). Without doubts I queue up in front of Pizzeria Piccola Piedigrotta‘s stand. I literally fall in love with Giovanni (and Antonio, his co-worker) and his pizza. He uses two very special ingredients: grano arso (artfully blended with wheat flour) and sea water, which combined with his passion for experimentation give life to a spectacular pizza. Consider that Giovanni adds about 10 grams of yeast to a mixture of 50 kilos flour and you will have no doubt his pizza is super light and digestible. Chatting with him I am enchanted by his expertise, enthusiasm and desire to experiment with pizza dough. Among other things he tells me that in November he will be in Lugano, with his “pizzaiuolo on the road”, to attend an event scheduled for EXPO2015. I’ll be there! During the break I walk past the other culinary stands and run into Maido!, an Okonomi-yaki Street Food shop based in Milan. It’s love at first sight! A mochi is the perfect way to end my lunch and as I taste it religiously I have a chat with Costanza, one of the girls who run the shop, who tells me all about their adventure. It’s almost 5 P.M. and I rush to prepare all the material for my workshop! I share the space with Alessandra De Leonardis, which is holding a workshop on meatballs. Having not yet finished frying them I leave her a little space at the bottom of the table, making fun of the fact that we could even try frying some brioche dough! You can not imagine my surprise as I realized that about sixteen participants showed up, more the ten planned for the class! It’s hard to put out in words all the gratitude I feel for them. Not only have they shown so much interest and enthusiasm for the workshop, but also proved to be very flexible and with a good sense of humour, which helped me a lot to relax. Only I could ask my “students” to spread nutella with their fingers (yes, not being accustomed at all to cooking with this ingredient it didn’t occur to me that with lower temperatures it solidifies to the point of making any attempt of spreading it quite difficult, let alone delicate and soft such as my brioche). Fun time and smiles have been the highest reward for my efforts, and I could not ask for more. The thing that struck me the most was the extreme kindness of the participants who stayed all along, which insisted to help me out with cleaning the workspace. A big thank you to Maria, Tonya, Veronika, Rina, Nerina and Virginia. There are certain things that I do not take for granted and I have really appreciated their gesture, which to me counts more than any compliments to my work. After cleaning everything I dragged myself to the hostel, with one fixed idea: shower (and I still laugh at the thought of Lorenza, who came across me on the street and asked me whether I was angry…no, I was just focused on my goal: to wash away all the stress of the week and the day!). Not even an hour after I go back to the cloister where I meet with Francesca, Antonella and Alessandra. Don Pasta‘s show is on schedule “La Parmigiana e la Rivoluzione”. A genius, no doubt about it…how not adore him for slogans such as: “But above all: LARD, LARD, LARD!”? The show exudes love for Italian cuisine, laughs at classic italian clichés (funniest of all the story about him trying to cross the border with a car packed with homemade tomato sauce, parmigiana and olive oil cans), mixed up with stories told by old ladies from Reggio Emilia, women who in their lives not only have stuffed thousands of tortellini but transported hand grenades as well, contributing to partisan resistance during World War Two. Before midnight we leave the Festival, so tired we barely speak during our walk back home.

IMG_0426

Tomoko and Micol of Maido! Okonomyaki Shop / Tomoko e Micol di Maido! Okonomyaki Street Food

Sunday is all for me, I wisely have booked a ticket for the 5.21 P.M. train in order to fully enjoy the festival. I wake up relatively late according to my standards, between 7.30 and 8 A.M. and eat a light breakfast. Although the festival opens its doors at 11 at 9:30 A.M. I am already there and start chatting with some crafters who are selling their jewellery and handmade pieces at the festival’s market. Wandering through the cloister I meet Luisa, of Pilou, who delighted us with a delicious breakfast which included butter biscuits with matcha, lemon and lavender muffins, brownies and cakes both sweet and savoury. I loved the fact that she brought some books and magazines to leaf through. While I choose my breakfast, I spot Gaia of Vendetta Uncinetta blog, clearly immersed in her thoughts (just guessing: “What should I pick for my breakfast?”). I introduce myself and strike up a conversation, telling her that I really love your blog. Her answer wins my heart: “I’m really glad you like the stupid things I do!” We agree both that foolishness will save the world, with all due respect to Oscar Wilde. We chat a lot, munching on our fantastic breakfast both agreeing on many facts and I cannot help but notice some similarities in our life choices in search of more concrete values. A meeting among the nicest of all my time at the Festival. Antonella finally joins us, and finally I can give her my little presents. Two bread wreaths, one of which is made into a necklace made especially for my friend Chiara’s editorial for Essen Mag, the other wreath for Anto to finish with a satin ribbon and hang in her home in Cambridge. Of course I couldn’t escape from the ritual picture together (something I agree on doing only for very few people). Still hungry, considering that the night before I had dinner with a small cup of gorgeous ice cream by Cremeria Capolinea, my choice falls on the buffalo meatballs stand, this meat is new to me and intrigues me a lot. The taste is very good, it reminds me of game with its strong and rustic flavour. I chat with the young guys who are frying meatballs and potatoes, and find out that their parents opened the business, il Girasole, several years ago, and many years took them to make people in Reggio Emilia overcome skepticism over this new ingredient. With still a small corner of my stomach to fill up I head to the Tigellina stand. No doubt about the flavour, lard and parmesan winning over all other options. What a treat, it simply melts in the mouth…heaven! Talking with Albano I find out that Tigellina is a brand designed exclusively for events and festivals, born as an offshoot of Essent’ial Albano’s innovative brand that produces cardboard furniture and home supplies. On their website you will also find their ingenious cardboard chopping board and a line of food paper bags made with a special textile made out of paper, which is washable at 30° C. His firm has been producing cardboard furniture for about 10 years and he never stops thinking about new projects. His latest collaboration gave birth to ​​K-Lab, a line of notebooks, bags and beauty bags in collaboration with a group of diversely abled people, which can be also found on sale at the Festival. I fall for a beauty bag, which from now on will help me to put a little bit of order into my bag’s cosmic mess. My lasts buys are at Giulia’s stand. The creative mind and hands behind the brand Insunsit, Giulia creates wonderful products ranging from techniques such as pencil drawing to etching. Amongst her products notebooks, pins, magnetic whiteboards and fridge magnets. How not love her for her spontaneity and delicacy? Before leaving and saying goodbye to the girls I go back at Maido!’s stand to grab a couple of onigiri and a mochi for my take away dinner. Despite Trenitalia’s strike I manage to get home on the due time, not without the usual run from platform 19 to platform 2, of course!

What do I prize the most about this experience? First of all it made me stronger, primarily due to the trust that Antonella, and Daniela and Lucia accorded to me. Secondly, my approach to the problems I encountered which has been pragmatic, firm and calm as never in my whole life despite the anxiety and many mistakes I made all along the way. Third but not least, the enthusiasm of all participants to the workshop which gave me an incredible strength. I am starting to believe that this adventure could become something more, slowly but steadily, if I keep up with commitment and passion. Once more I want to send out a big thank you to all the wonderful people I met at Food Immersion,for their enthusiasm and for making the festival a special and wonderful experience. See you next year!

IMG_0403

Giulia’s Insusit stand, isn’t it beautiful? / Lo stand di Insunsit, meraviglioso nevvero?

 

Food Immersion, impressioni sul Festival e il mio primo workshop!

Sono oramai passate due settimane dal mio rientro da Reggio Emilia e dalla fantastica esperienza del mio primo workshop di panificazione. Sembra ieri come sembrano secoli fa. Food Immersion l’ho aspettato tanto, con quel misto di ansia ed eccitazione tipico di ogni esperienza nuova. Per un periodo non ho creduto di riuscire a parteciparvi, non ero sicura che mi avrebbero accolta nonostante tutto l’entusiasmo e la buona parola messa per me da Antonella. Insomma un food festival che già ha riscosso successo, con nomi interessanti ed importanti, un programma fitto fitto…e io che ci incastro? Invece alla fine eccomi a bordo, con tutti gli imprevisti e gli errori tipici delle prime volte. Vogliamo parlarne della lista incompleta di materiale che ho inviato alle ragazze, del fatto che mi son completamente scordata di chiedere loro di trovarmi un’impastatrice, che ho compilato tutta la documentazione il giorno prima di partite per Copenaghen (già impreparata per le vacanze figuriamoci per il workshop, io che della mia svizzeritudine ho sempre fatto vanto e che con l’età me ne sto involontariamente disfacendo strato per strato come una lucertola) che ad una settimana dal festival ho iniziato a fare mente locale di tutto quello che mi ero scordata di richiedere alle ragazze, andando in simil panico? No, non parliamone. Parliamo di come tutti questi problemi li ho superati, con una calma, uno sfoggio di risorse e un aguzzare di ingegno certo parte della mia personalità, ma che prima d’ora non avevo mai veramente toccato con mano in maniera così tangibile. Ed è stato bellissimo, come un domino sgangherato nel quale ogni problema si tramutava in un attimo in soluzione, in risorsa. Non so nemmeno io come ho fatto ad animare il workshop, in piedi dalle 4.30 e stremata da un principio di influenza e dalle corse per non perdere le coincidenze tra i treni. Non mi sono fermata un attimo, dal mio arrivo a Reggio Emilia alle 9 fino all’ultima ciotola pulita alle 20. Distrutta ma felice.

IMG_0437

Buffalo meatballs! / Polpette di Bufalo!

Ma procediamo con ordine. Alle 9 di sabato 20 settembre raggiungo Reggio Emilia con il treno. Al binario scende un’altra ragazza, carica anche lei di borse e trolley. Anche lei come me si guarda intorno con fare indagatorio. Mi chiedo se non partecipi anche lei al festival ma timida tiro dritto per la mia strada. Più tardi la ritroverò alla reception dell’ostello. È Lorenza Dadduzio direttore creativo di Cucina Mancina, portale che tratta alimentazione e cucina per chi soffre di intolleranze, al festival per presentare il proprio progetto. In un attimo mi ritrovo ai Chiostri di San Pietro, splendida location del Festival. Le ragazze del”organizzazione Papilla Brilla sono già operative ed in pieno fermento. Mi mostrano la stanza dove si terrà il workshop e mi consegnano il pass con i buoni pasto per la mia permanenza. Dopo una prima rapida ricognizione decido di andare all’ostello per lasciare le cose superflue e prepararmi psicologicamente all’allestimento e preparazione di materiale e ingredienti per il mio primo workshop. All’ostello le cose vanno un poco per le lunghe, tra receptionist molto rilassato e problemi vari nell’accedere alla rete wifi (grazie a dio sono una persona molto intuitiva e son riuscita a risolvere il problema da sola) per cui ci metto circa 10 minuti prima di raggiungere la stanza. Una doccia veloce e sono di nuovo ai chiostri con un’ora di anticipo rispetto al mio programma. Il weekend è fitto di eventi e non sempre è semplicissimo combinare tutto, ma riesco a recuperare il burro dal frigo e il sale in condivisione con la carissima Angela Agrati-Prange, con la quale condivido lo spazio di lavoro mentre entrambe prepariamo i nostri ingredienti, lei per il suo show cooking “Impasti di riso” io per il mio workshop sull’impasto brioche. Angelica, dello staff, fa poi il miracolo e mi recupera ulteriori ciotole, un grande aiuto nel marasma di materiale che mi serviva, che mi son scordata e che fortunatamente ho recuperato per la maggiore prima di partire, senno sarebbero stati dolori. Lucia invece gentilmente mette a disposizione il suo Kitchen Aid (dello stesso verde che era in competizione con il mio KA blue navy) e Daniela mi recupera i taglieri usati durante il workshop della sfoglina. Inizio a respirare con un ritmo meno convulso, ma ancora l’ansia non ne sente di lasciarmi. Sono così nervosa che lo ammetto senza vergogna, un paio di impasti li ho proprio mischiati a cavolo di cane, iniziando con delle masse grumose vergognose. La mia testa era per metà altrove…grazie a dio che con le mie manine sante oramai faccio miracoli e gli impasti un poco sfigati li recupero con qualche giro, piega e sbattimento violento in ciotola. Finito di impastare mi rendo conto che è tardissimo, sono già le 15.30 e non ho ancora avuto modo di pranzare (tranne per un trancio di pizza gentilmente offertomi da Angela e la sua amica di cui purtroppo non ricordo il nome). Senza indugio mi piazzo davanti allo stand della Pizzeria Piccola Piedigrotta. E mi innamoro, letteralmente, di Giovanni (e Antonio, il suo collaboratore) e della sua pizza. Due ingredienti particolarissimi, la farina di grano arso (miscelata ad arte con farina di frumento) e acqua di mare, uniti alla passione per la sperimentazione e per la qualità di questo pizzaiolo originario di Tramonti danno vita ad una pizza spettacolare, come non ne ho mai mangiate. Considerate inoltre che Giovanni mette circa 10 grammi di lievito di birra su un impasto di 50 chili di farina e vi renderete conto di come la sua pizza sia una nuvola dall’altissima digeribilità. Non mi faccio sfuggire l’occasione di quattro chiacchiere con lui e rimango incantata dalla sua competenza, entusiasmo e voglia di sperimentazione di quest’uomo gentile e comunicativo. Tra le altre cose mi rivela che a Novembre presenzierà a Lugano, con il suo “pizzaiuolo on the road”, ad un evento legato ad EXPO2015. Ci sarò! Faccio un altro breve giro tra gli stand culinari e mi imbatto nelle ragazze di Maido!, Okonomi-yaki Street Food milanese. Amore a prima vista! Punto su un mochi per finire in bellezza il mio pranzo e lo gusto religiosamente mentre faccio quattro chiacchiere con Costanza che mi racconta un po’ della loro avventura. Ma il tempo è tiranno e devo correre a preparare lo spazio per il mio workshop! Condivido lo spazio con Alessandra De Leonardis, che tiene un workshop sulle polpette. Non avendo ancora finito di friggerle le lasciamo uno spazio in fondo al tavolo, ironizzando sul fatto che potremmo sperimentare friggendo qualche impasto di brioche! Non potete immaginare la sorpresa quando mi son resa conto di avere davanti circa sedici partecipanti contro la decina prevista per il corso! È difficile per me descrivere tutta la gratitudine che provo per loro. Non solo hanno dimostrato tantissimo interesse ed entusiasmo per il workshop, ma hanno fatto prova di un notevole spirito di adattamento e senso dell’ironia. Solo io potevo spingere i miei “allievi” a spalmare la nutella con le dita (ebbene sì, non essendo affatto abituata a cucinare con questo ingrediente non ho proprio considerato che con delle temperature più basse solidifica al punto di rendere abbastanza difficile ogni tentativo di spalmare, figuriamoci poi su un impasto delicato e soffice come la mia brioche!). Sorrisi e divertimento sono stati il compenso per i miei sforzi, e non avrei potuto chiedere di più. La cosa che mi ha colpita di più è stata la gentilezza estrema delle ultime partecipante rimaste fino alla fine del workshop, alle quali voglio fare un ringraziamento speciale. Grazie mille a Maria, Tonya, Veronika, Rina, Nerina e Virginia, che hanno insistito nel rimanere ad aiutarmi a pulire taglieri, tavolo e mettere a posto il materiale del workshop. Sono cose che non prendo certo per scontate e che apprezzo molto, più di qualsiasi apprezzamento e complimento al mio lavoro. Finito di pulire tutto mi trascino all’ostello, unico pensiero fisso: la doccia (e rido ancora al pensiero di Lorenza, che intercettatami per strada mi ha chiesto se fossi arrabbiata…no, ero solo concentrata sul mio obiettivo di lavar via lo stress della settimana e della giornata!). Nemmeno un’ora e rieccomi al Chiostro in compagnia di Francesca, Antonella e Alessandra, dove assistiamo allo spettacolo di Don PastaLa Parmigiana e la Rivoluzione”. Un genio, non c’è che dire…come non adorare un’uomo che pronuncia meravigliosi slogan come: “Ma soprattutto: STRUTTO, STRUTTO, STRUTTO?”. Infatti, non si può che adorarlo, punto. Lo spettacolo trasuda amore per la cultura culinaria italiana, ride dei classici cliché (divertentissima la scena di lui che cerca di valicare il confine con la macchina stipata di passate di pomodoro, parmigiane pronte ma soprattutto olio d’oliva), mixa i racconti di vecchie signore emiliane che hanno farcito migliaia di tortellini come trasportato bombe a mano per contribuire alla resistenza partigiana. Prima di mezzanotte siamo già lesse e ci incamminiamo verso le rispettive dimore.

IMG_0466

Simone de Feo, Cremeria Capolinea

La domenica è tutta per me, non per nulla ho prenotato il mio viaggio in treno per le 17.21! Mi sveglio relativamente tardi secondo i miei standard, tra le 7.30 e le 8 e mi preparo con una colazione leggera a base di toast, burro e marmellata. Seppure il festival apra i battenti alle 11 sono già lì verso le 9.30 e inizio a chiacchierare con qualche espositore del mercatino artigianale. Vagando per il chiostro in fase di preparazione per la giornata faccio amicizia con Luisa di Pilou, che ci ha deliziati con una deliziosa colazione a base di frollini al burro e matcha, muffin limone e lavanda, brownies e tortine sia dolci che salate. Ho adorato il fatto che abbia portato con sé dei libri e delle riviste da sfogliare, e ho apprezzato molto la scelta del thé Clippers per bagnare le nostre ugole. Mentre scelgo la mia colazione mi rendo conto che davanti a me, in fase di meditazione da “cosa scelgo per la mia colazione” c’è Gaia di Vendetta Uncinetta. Colgo l’occasione per attaccare bottone e mi presento, dicendole che amo molto il suo blog. La sua risposta mi conquista definitivamente: “Sono contenta ti piacciano le scemenze che faccio!”. Conveniamo entrambe che l’idiozia salverà il mondo, con buona pace di Oscar Wilde. Chiacchieriamo fitte sbocconcellando la nostra fantastica colazione, ci troviamo concordi su molti fatti e non posso fare a meno di notare delle analogie nelle nostre scelte di vita alla ricerca di valori più concreti, di un’umanità più calda, di un senso della condivisione autentico. Un incontro tra i più piacevoli di tutto il Festival. Finalmente Antonella si manifesta in tutto il suo splendore, non aspettavo altro che il suo arrivo per consegnarle un piccolo regalo. Ovvero due corone di pane, una tagliata appositamente per farne una collana per l’editoriale di Essen (ma che poi non abbiamo usato) e una intera, da rifinire con un nastro in raso e appendere in casa con l’auspicio di tanta buona fortuna e felicità. Momento lucciconi e foto d’ordinanza (e io certe cose le faccio per pochissime persone). La colazione seppur ottima non ha placato il mio stomaco, visto e considerato che la sera prima ho cenato con una piccola, ma deliziosa, coppetta di gelato della Cremeria Capolinea, sicché mi dirigo con passo sicuro verso il Chiostro interno puntando allo stand della carne di bufalo, che non ho mai assaggiato e mi incuriosisce parecchio. Il sapore è molto buono, ricorda le carni di selvaggina con il loro sapore forte e rustico. Amo! Mi soffermo a chiacchierare con i giovani ragazzi che friggono polpette e patate e scopro che i loro genitori hanno aperto l’attività, Azienda Agricola “Il Girasole” parecchi anni fa, che ci è voluto tempo ma finalmente questa carne speciale inizia ad avere sempre più interesse e ravvolgere consensi. Non sazia punto alla tigellina, non posso certo farmi mancare l’occasione di perdere un panificato targato Food Immersion! Mi decido per una tigellina con lardo e parmigiano, una delizia che si scioglie letteralmente in bocca! Parlando con Albano scopro che la Tigellina è un prodotto studiato esclusivamente per eventi e festival, e che è nato da una costola di Essent’ial, innovativo marchio che produce complementi di arredo e mobili in cartone. Se andate sul loro sito troverete anche i loro geniali taglieri in cartone e i sacchetti a cartoccio di carta in carta lavabile a 30° C. Producono con cartone i loro mobili da ben 10 anni e non smettono mai di pensare come rinnovarsi, un grande esempio di come andrebbe gestita un’attività. Loro idea di K-Lab, una linea di quaderni, beauty e borse in collaborazione con una associazione che si occupa di ragazzi diversamente abilli che trovo in vendita al Festival. Non mi faccio mancare un utilissimo beauty, che d’ora in poi mi aiuterà a fare un poco di ordine nel casino cosmico della mia borsa. E così inizio i miei acquisti in bellezza. Finisco di sbizzarrirmi alla bancarella di Giulia, mente e mani creative che si celano dietro Insunsit, che mi ha conquistata subito con i suoi delicati uccellini ciarlieri. Spaziando dal disegno a matita fino all’incisione di deliziosi timbri Giulia crea quadretti, quaderni, spille, lavagnette e magnetici per il frigorifero. Come non amarla per la sua spontaneità e delicatezza? Per non parlare della sua passione per le matrioske, e chi mi conosce lo sa…La giornata scorre veloce tra chiacchiere e giri per il Chiostro, ma prima di partire torno dalle ragazze di Maido per prendermi degli onigiri e un mochi per la cena in treno. Saluto tutte le ragazze con un po’ di magone, si sta tanto bene al Food Immersion, e sfido l’ennesimo sciopero del personale delle Ferrovie Italiane (che guarda caso scioperano sempre ma dico sempre quando io sono in viaggio). Fortunatamente una buona stella veglia su di me e rientro nei tempi prestabiliti, non senza una corsa dal solito binario 19 al 2 tronco ma insomma, tutta salute!

Che dire di questa esperienza? Che ne son venuta fuori più forte, in primis grazie alla fiducia che mi è stata accordata da Antonella, Lucia e Daniela. In secondo luogo dal mio approccio ai problemi, pragmatico, fermo e calmo. Insomma non penso di essere mai stata così padrona della situazione in vita mia nonostante l’ansia e vari errori commessi lungo il percorso. Terzo ma non ultimo, l’affetto ed entusiasmo dei partecipanti al corso che mi ha dato una carica incredibile. Insomma, inizio a credere davvero che questa avventura possa diventare qualcosina di più, piano piano con impegno e passione. Dunque un grazie di cuore a tutte le splendide persone incontrate a Food Immersion e per l’esperienza incredibile che mi hanno fatto vivere. Ci vediamo il prossimo anno!

IMG_0449

Antonio and Giovanni, my favourite pizzaioli! / Antonio e Giovanni, i miei pizzaioli preferiti!

IMG_0431

Daniela, Antonella e Lucia <3

2 thoughts on “Food Immersion, impressions on the Festival and my first workshop! / Food Immersion, impressioni sul Festival e il mio primo workshop!

  1. grazie a te!è stato molto bello!peccato abitare cosi lontano ..eprchè lasci la voglia di riincontrarti!la prossima volta che vieni a reggio ,hai un posto a casa mia!neri

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...