Copenhagen / Copenaghen

IMG_8811

Copenhagen city view from the Rundetaarn / Vista della città dalla Rundetaarn

As promised, I am back on the blog today. No new recipe but a little review of the city of Copenhagen, which I had the pleasure to visit on my holidays. Needless to say, back from vacation I am more tired and bruised than when I left (but I will talk about it later in the post), but happy with the fact that I finally made it to go on this trip. Several things about the city struck me. In the first place the traffic, which is almost absent. Hard to believe but there is more chance of being knocked down by a bicycle rather than a car (watch out for cyclists, they are quite aggressive). The Danes are incredibly relaxed, sometimes maybe too much, and the city exudes a tangible sense of freedom and lightness of heart that I have never experienced elsewhere. Young fathers walk around with their children, babies or grown-ups, completely on their own, something quite uncommon at my latitude. Mothers are also serene and quiet, so far away from the stereotype of the neurotic mother, a specimen which is easily spotted in Italy. So relaxed that they even leave their kids sleeping in the pram, unattended, outside shops. I can assure it to you, because I’ve seen a lot of prams outside shops, beautiful blonde baby sleeping like an angel included. Another world is possible. Add it all up to a social system based on the principle of equality, inspired the law of Jante or Janteloven, for which individualism and personal success are seen in a bad eye and the effort of the individual in helping the community assumes a great value. This mindset means that salaries are levelled so that everyone can have a decent lifestyle. The welfare system works perfectly (paternity leave is granted for one year, let’s talk about it). But Janteloven rests on the principles that if taken literally are kind of oppressive, something me and Joachim (my friend Mapi’s boyfriend) argued about. From his point of view Janteloven has such a strong influence on the Danes to the extent of making Denmark a nation of people with modest demands and no aspiration, in short, this “law“ has also a quite negative meaning. I am not sure about it, in any case, I much prefer this type of mentality to the aggressive American-style self-realization mindset, for which each person is almost seen as an obstacle to one’s aspirations. Mix all of the above with a delightful summer weather, sunshine and a gentle breeze, and I’m quite considering moving up North.

It has become a habit of mine, the past years, to go on holiday totally unprepared. I tell myself that I need to program, write addresses, gather informations, and usually get lost. Luckily I enjoy very much getting lost in cities, just walking around in clueless amazement or worse, with the certainty of being headed in one direction then finding out I am simply going towards the other end of the city. I wish I had read somewhere that shops and Museums usually open between 10 and 11 A.M. even though my attitude allowed me to live the city more authentically, which I’m very happy about, especially thanks Mapi‘s presence. Let me introduce her to you. Mapi and I have known each other for about 15 years. We started chatting on MTV’s chat and somehow never lost contact, I must say mainly thanks to Facebook, and have continued to write to each other on and off during all these years. The funny thing is that Mapi has also done an internship at Vivetta‘s, a friend from my Florence period who runs a fashion label, but so far we had not managed to meet in person. Before leaving I wrote to her, even though I was pretty sure she would be spending her summer vacation in Sicily, but no! She already had postponed her trip to September and finally we have been able to meet. Walking around the city and chatting non-stop we found we had many more things in common, and it was a wonderful discovery! To Mapi goes my most sincere thank you for introducing me to Nørrebro, Fredriksberg, Christiania and for having patiently walked with me, carrying her bike (those who know me well know I have an issue with bikes, and most probably haven’t rode one in 20 years). When I go back to Copenhagen I’ll cook for you so many good things my friend! But let’s move on to the account of my trip.

Not to make it too messy I’ll start with a couple of tips useful to those who have never visited this beautiful city, then the post will move on to a more detailed description of what I did, ate and saw in Copenhagen.

Copenhagen tips:

– Copenhagen Card, yes or no? In order to fully answer this question I took notes on all of my various trips and the museums I have visited. A 5 days card costs 779 DKK, approximately one hundred euro, which turn out to be very well spent if you visit many museums, take a tour of the canals by boat and use public transportations on a daily basis. Another tip to make the most out of your card? Go to the Louisiana Museum of Modern Art (I will talk about it in detail later on). I saved about 500 DKK, meaning 100 DKK per day which is equivalent to a cheap lunch (and I also have a good address for a nice café where you can order a delicious smørrebrød and get a drink for about this price).

– In many cafes / bars you have to order at the counter, so do not be fooled if you see that there is table service, they’re just getting rid of the plates! Always read the menu to avoid sitting 10′ waiting at the table, because the service is often very relaxed.

– If you buy a quick take away lunch always take the some paper towels from the counter because they often do not put them in the bag which, always being in a hurry as I am, left me cursing more than once…thank god I always have handkerchiefs in my bag!

– Check the opening hours of shops and, above all, of the museums you would like to visit because often they do not open their doors until 10-11. Quite dramatic for an early bird like me. If so I highly suggest you to take a ride around the city, have a generous breakfast, then move on to a little shopping or visit museums with a full stomach so you can take advantage of the few of opening hours. Consider planning if you want to see as many museums as you can.

– Roads to avoid if you are allergic to the average tourist: Frederiksberggade / Amagertorv / Østergade, and generally the main downtown streets around Kongens Nytorv. I recommend you to take a walk on the side streets instead, where there are plenty of interesting shops, bars and cafes.

IMG_8842

The harbour / Il porto

What I did in Copenhagen, day by day:

– Wednesday evening, arrival at 7 P.M.
My arrival in Copenhagen city from the airport is quick and painless. I get on the metro line Mapi suggested me and just 30 minutes I find myself in Kongens Nytorv, right in the centre of the city. I have some issues finding my way to the hostel but at the first request for help I am directed in the right direction, the Generator hostel, just 5 minutes away. Two words about the hostels. I got an offer on expedia, flight + 5 nights in the hostel and I paid about 400 € (including taxes – about 54 € – and 20 € travel insurance that I later discovered valid only for Italian residents…so much for always doing things in a hurry) which is ok. The hostel is very quiet, the only complain would be about the chest under the bed which requires a huge padlock (which from now on I will carry everywhere with me) that I had to buy at the reception. The chests are a little uncomfortable, as it is essentially impossible to extract two facing ones at a time, which is a little difficult if the room is occupied by six people. Thank heaven I was always the first one leaving and coming back to the hostel! The hostel is clean, quiet and in a very central area. Personally the whole party atmosphere, for which you are constantly reminded about the Mexican party or latest entertainment offer, makes me cringe but declining with a smile is sufficient, as avoiding the communal areas when the parties are on. I take a quick shower, call Mapi to fix an appointment for lunch but can’t get hold of her. I leave the hostel, and head towards Paludan BogCafé, a nice café suggested to me by Rossella, a café-bookstore near the Rundetaarn. Here the atmosphere is relaxed and it is just so nice to eat surrounded by bookshelves. As in many other cafes and bars in the city you have order your meal at the counter, so do not make my same mistake as I lost 10 precious minutes waiting at my table. Little I know that the kitchen in some cafes and restaurants close between 9.30 and 10.30 P.M. as I learn at my expense on my first evening out. Well, luckily I am able to order a slice of cheesecake with blueberries and a cappuccino! Paludan cakes are way too sweet according to my taste but the cappuccino is really good, which is great. While I wait for Mapi I pin points of interest on the map (especially bakeries). I stop the waiter as he is taking away my glass of water, but he’s back in two minutes time candidly confessing me the bar is closing. It’s only 10 P.M. and this feels so Swiss!!! I go out and surf using the free wifi, roll a cigarette and wait for my friend. Mapi arrives riding a bike, the most popular mean of transportation in the city, and finally we embrace after 15 years of virtual friendship! We head towards the young and multicultural neighbourhood, Nørrebro, where we order a beer. There we spend a few hours chatting, saying goodbye with the promise of a lunch together the next day.

IMG_8785

My first dinner in Copehagen / La mia prima cena a Copenaghen

– Thursday
I wake up early and decide to try out one of the cafes recommended in this article: Ricco’s. Not having noted down the actual address given in the article I rely on the much trusted google maps, effectively ending up in one of the many small Ricco’s cafes around the city and not in the one specified by Paul Cunningham. Not a bad thing, I take a stroll around the neighbourhood and am rewarded with a good brownie (although I prefer it with a good thick crust and more chewiness to it), accompanied by a delicious coffee ice cream and a good cappuccino. After breakfast I hop on a bus towards the city centre, feeling courageous I enter the Rundetaarn to experience its view of the whole city. The view is nice, but nothing disturbing compared to the ghastly experience I had on top of the Galata Tower in Istanbul, absolutely manageable for people who like me suffer from vertigo. Just a few minutes to take a look and snap some photos. On the way back down back I look at some art work on display in the tower. Which direction to take now? Instinctively my feet walk towards Vesterbro, the coolest area of the city. As I walk, I run in the Kunsthal, contemporary art museum, which currently exhibits works of students from the Royal Academy of Fine Arts. The place is interesting and worth a visit even though no work of art shown really moves me. Walking without using the map I end up in Istedgade, the red light district. In any other city I think I would have felt a bit uncomfortable. Not here. Among the local sexy shops and shady crowd I spot cheerful families pushing prams. If it was not for the row of sex toys displayed in the windows I would not have noticed anything. Moving towards Frediksberg the sex shops are replaced by beautiful vintage shops, which I had set out to visit on my last day of stay but unfortunately missed this opportunity being my physical condition a little precarious, but about what happened I will tell in due time. Mapi meets me in front of Vesterbrogade Eliaskirken. We walk to Dyrhaven, a nice little cafe with a good menu for a fair price. Mapi suggests I take a simple dish of smørrebrød, which costs 68 DKK and is enough to satiate me. I go for the shellfish salad and do not regret it at all. The quality is excellent, the ingredients are clearly fresh and the serving of fish salad, topping the rye bread, is abundant. All washed down with a good ginger ale, organic of course. Needless to say, Scandinavians care a lot about the quality of their food. We’re just in the middle of the Fashion Week and Mapi suggests we walk to the centre, where several events and parties are held. The city centre is paved with clumps of grass and the atmosphere is festive. A lot of young people are camping in groups, drinking beer and chatting, and we are offered a free ice cream. We walk towards Nyhavn, the old harbour of Copenhagen, which to me looks a bit like a Nordic version of Portofino, just a painted postcard for tourists’s own pleasure. A little sad postcard, though colourful and cute in its own way. We walk to the Royal Danish Playhouse which overlooks the island of Christianshavn, in front of us Henrik Vibskov‘s headquarters where a fashion show will be held tonight, followed by a party. Mapi thinks it will be quite impossible to get in, but she will be asking her friends about it and we will eventually try our luck. We agree to meet at 7 P.M. at Mother‘s pizzeria, she has been raving about their sourdough pizza and I can’t wait to try it! My expectations are not disappointed, my pizza bufala is fantastic, soft dough and a lovely fat crust. The wood fired oven, already a guarantee of quality, is in plain sight both inside and outside the restaurant which is located in Vesterbo, in what was once the meatpacking district and today is crowded with restaurants, cafes and clubs. Blame it on the long walks, blame it on the generous pizza but I’m starting to feel a little sleepy, just another beer in a nearby gay bar and I catch the next bus to the city centre. No Vibskov party for us. As usual at the hostel everyone is already asleep (and I wonder why people bother to come visit a city when all they do is sleep all time).

IMG_8789

Breakfast at Ricco’s / Colazione da Ricco’s

– Friday
As usual I wake up early, with only one thought in mind: Meyers Bageri! I’ve about it read in this post by Clodagh McKenna. Needless to say I can’t miss on Noma‘s official baker’s bread! I take the bus and walk towards one of the many Meyers Bakeries around town. The one I chose is in Nørrebro at n 9 of Jægersborggade, a beautiful little street dotted with interesting shops and cozy cafes. The choice is varied, but I am intrigued by the generous kanelsnurrer (cinnamon snail) and get a rye and raisin bun that I’ll eat later on as I venture in the Botanical Garden. I sit at one of the tables at the entrance of the bakery and bite into the sweet pastry. The dough is perfect, soft as a pillow. Cinnamon and sugar are perfectly balanced, none of the ingredients overpower the other. I am delighted. Walking to the Botanical Garden feels like gently stepping on clouds. A wonderful landscape welcomes me. An artificial lake shortly after the entrance guides me to the greenhouses, which are accessed by a grand staircase. It doesn’t even feels like being in the centre of a city, even though it is the most relaxing city I have ever visited in my life. Simply regenerating. The Rosenborg Castle, a few minutes walk away from the Botanical Gardens, is waiting for me! Oops, no…it is waiting for a swarm of tourists and the queue in front of the ticket booth does not bode well. I have no doubt the queueing won’t be long, but visiting a museum surrounded by a horde of tourists is not exactly my cup of tea. And so I walk away, without taking a glance to the map, and find myself in Gammel Strand when I receive a phone call from Mapi. Today we’ll be having a picnic in Christiania. We head to Irma, supermarket an all organic posh supermarket, where we buy the Knækbrød, pastrami, a delicious chicken salad and some grapes. Mapi suggests I try these chocolate and licorice powder coated almonds, and she is right, they are divine! Having sorted out our lunch provisions we head to the city of sins within Copenhagen. My impression of Christiania? An infinite sadness… As we enter we are greeted by small bars, some of them are even cute, omitting the hamburger stand which also serves pepsi. The locals have my complete solidarity and understanding and I respect them for turning this touristic phenomenon in a source of gain, but it does look sad and a bit cheesy to me. In the evening I find myself walking in the area of ​​Tivoli’s Garden, exhausted by the search for a place to eat. Near to fainting I capitulate in front of an iBagel. The bagel is not bad but it is loaded with stuffing that drops all over my plate, and only by luck not on my clothes. I take advantage of the free wifi, then call Mapi and we arrange to meet at Nørreport station then head for a drink in Vesterbro. Emiliano, a sicilian friend of hers, joins in and delights us with his clowning and inclination for faux pas. He’s at his best when he shouts:«All Milanese must die!» just as a young man from Milan walks by…we offer him a sip of wine and have a chat, after all not all Milanese must die! We chat about sicilian food, in fact I cannot wait for him to send me his family recipe for caponata, and life in Copenhagen. Mapi is feeling tired and kisses us goodnight, leaving me with the all too exuberant Emiliano who insists into taking me to a club, the Gefärlich. We enter and the club is full of women, dancing together, where are all the stylish bearded men he promised me I would run into? And besides the DJ is playing hip hop music. I hate hip hop music. Emiliano tries to involve me in some dancing. It’s too much for me, and after 7 minutes I implore him for us to leave. He tries to convince me to climb on the back of his bike to take me to another club, but my clumsiness wins…we almost fall flat on our noses. I can’t do it. Hugs and kisses and I’m headed to the hostel.

IMG_8886

The Botanical Gardens / Il Giardino Botanico

– Saturday
I wake up early, as usual, my goal is to visit as many museums as I can, in a marathon of cultural bulimia. Quite delusional, as you will find out. First stop is Tivoli, because naively I am convinced there must be something more to the playground. Of course there will be something more than the shooting stalls, rides and different attractions, after all the park is historical and was built in 1843! Ok, I’m wrong. Lou, damn you and your laziness…why don’t I ever learn to read little more of the city guide? Not to mention the opening hours: 11 A.M.! Having plenty of time I go to have my breakfast – croissants and a rhubarb and cream pastry at Lagkagehuset, a bakery chain which is recommended by many websites but personally quite disappointing in terms quality and prices (go to Meyer instead, your money will be well spent). I queue half an hour to get into Tivoli, only to find myself within the magical world of plastic, two glances are sufficient to realize that this is just Dansk Disneyland. I look for the nearest exit. My visit in Tivoli lasts about 4 minutes. Rather go to the near Glyptoteket. Good choice. I get lost in the permanent collections of Egyptian, Greek and Roman and nineteenth-century French and Danish sculptures, as well as a collection of paintings most by Danish artists. As I later discover some rooms, which host French artworks including paintings by Degas, Gauguin and Van Gogh, are closed to the public but what I see is enough to fill up my eyes and heart with beauty. As suggested by Rossella I will be having lunch at the Royal Smushi Café. I sit at one of the tables in the pretty courtyard, open the menu and a thin rain begins to fall. Among with other tourists I sit down at a table inside and order the much acclaimed Smushi, a contamination between the national dish, smørrebrød, and sushi. The idea is to make smørrebrød look more like sushi and the result is of such beauty that it is quite intimidating to tuck in, one wouldn’t want to destroy such a beautiful dish. I choose the option of three different smushi: salmon, turkey and chicken liver, mackerel. My expectations are not disappointed. Not only its elegance, common trait of both Danish and Japanese culture, strikes me but the flavour combinations too are perfect, the mackerel smushi is sprinkled with fresh pea shoots which inebriate my taste buds. It is well worth spending some money to this sensory experience. With the rain pouring down I can only think of locking myself up in a museum. My choice falls onto the Museum of Modern Architecture, the Den Frie. Easily accessible by train but not very well indicated (by far it looks more like a Theatre rather than a Museum), I walk past it a couple of times, uncertain whether it is the right place. At the front entrance two people are sitting and chatting. I stop and ask them if this is the museum. «Yes, but it’s closed, we rang but no one came, and we have been waiting here 15 minutes». Andrea is from the Marche region in Italy, while Eva is Swedish. The rain gives us a break and we decide to go back to Nørreport where we have a cup coffee in one of the bars inside the beautiful market adjacent to the station, the Torvehallerne. The market is divided into two parts and offers a great selection of food, all of very high quality (and price). Here you can find everything, from meat, to fish, tea, pastries and a few restaurant and coffee houses where you can have breakfast or a snack. Chatting it comes out that Andrea has a blog too, a very special and very dedicated one. In his blog he reviews pizza diavola he has been eating around the world. Who would have thought that such a blog existed? You never stop learning, and I found his idea really clever and fun. We say goodbye, but not before we exchange our contacts. I meet with Mapi and we go for a walk, chatting intensely as our usual, we have a pizza near the hostel and then move towards Fredriksberg, where one of her classmates is hosting an evening with drinks and snacks at her place. We walk for a good 45 minutes, if not almost an hour, but it is very pleasant to walk along the artificial lakes (Sortedams, Søerne, Peblinge and Sankt Jorgen) while the sun goes down. We walk to an area near Carlsberg ‘s brewery, in the neighbourhood that once housed workers and their families. It’s like visiting a village within the city. The low terraced houses with-wind along narrow side streets, the windows have no curtains revealing the rich social life and the pleasure that the young Scandinavians have in organizing dinners with friends. Both me and Mapi peep without restraint, confessing to each other the irresistible voyeuristic instinct we feel when we pass next to a window with no curtains. This area is a true paradise for us! We spend a few pleasant hours drinking and chatting with Mapi’s old schoolmates at the Royal Danish Academy of Fine Arts. Around 1.30 I collapse and ask Mapi and her friend to escort me at the nearest train station. In 6 minutes ride I am in Nørreport, in just 15 at the hostel. I fall asleep like a rock.

IMG_8992

Lunch at Royal Smushi Café / Pranzo al Royal Smushi Café

– Sunday
I wake up looking forward to visiting the Louisiana Museum of Modern Art, which is located outside the city, but since I woke up very early there is plenty of time to pop to Meyers Bageri in Amagerbrogade for my breakfast. My choice for today is croissant, and a sweet pastry filled with lemon cream sprinkled with poppy seeds and a chocolate drink that is very commonly drank here (apparently with the hotdogs to…blah). What a pleasant discovery, the bakery also sells jars of sourdough, how can’t I love them? The tebirkes is incredible, as for the cinnamon snail what strikes me the most is the balance of ingredients. The lemon cream is very delicate, not too sweet nor too sour, while the poppy seeds accentuate the crispness of the pastry. I have no words and I am determined and develop my own recipe for this fantastic sweet treat. I walk to the centre, having plenty of time and enjoying very much walking around, savouring the essence of a city which still seems to doze, although it’s almost 9 A.M.. I walk through the streets of Christianshavn then head to Nørreport where I take the train to Humlebæk, the station which is about ten minutes from the Museum of Modern Art. A half hour before the opening of the ticket booths a long and tidy queue begins to form as far as out of the gate. I take place and wait for my turn patiently., Needless to say that as soon as the museum opens the queue goes fast and smoothly. The museum building has many corridors consisting in window panes that remind of Japanese architecture. While walking from one room to the other the visitors can enjoy a breathtaking view on the garden surrounding the building. On one side a lush garden and an artificial lake, on the other the garden is dotted with plenty of statues and artworks by different artists (including Henry Moore) and opens onto the powerful sea and a glance of Sweden not so far. I move my steps towards the garden, enraptured by the sight of the sea. The strong wind ruffles my hair, I am a bit cold having left my dust coat in the museum’s locker, but nature’s call is stronger and its wilderness almost drives me into Stendhal syndrome. When back in the main building the museum is already swarming with people, including several children. Nothing against, but I find it difficult to enjoy art when surrounded by ants lined up in front of paintings, especially if among the ants there are juveniles and noisy elements. My voracious eyes go through the painting, but it’s Emil Nolde’s watercolours that strike me the most. As one of the museum’s wings is closed for an upcoming exhibition it takes me just about an hour to finish the visit, and I hit the road back to the city. I get off at Østerport’s station and walk to the Design Museum. One of the museum’s rooms focuses on the history of furniture, with some pieces dating back to the 17th century. Another section draws its attention to objects and furniture from the Belle Epoque period. The permanent exhibition focuses on the birth of design in the 20th century, analysing styles and techniques that have made ​​history. The museum is very modest. Perhaps in an excess of imagination I imagined a modern building made of glass, steel and concrete and many dazzling lights while here the atmosphere is so homey that a Japanese tourist stretches out on a piece of furniture as if he were at Ikea’s. The whole place looks a little dusty to me, or maybe it’s just the instagram effect created by the dominant 60’s colours permeating the environment? In any case, the museum is a must for all design lovers. A quick trip to the hostel to check on my iPad where to eat a quick lunch. Mapi told me about some organic hotdogs stall which can be found around the area of the Rundetaarn and read something about it online too. Apparently hotdogs are part of the local culinary heritage, and as already mentioned above the locals seem to enjoy them with a cold chocolate drink, which I am not willing to try even though I am a fierce supporter of local tastes and traditions.. I walk length and breadth of the whole area surrounding the tower but there is no sight of organics hotdogs, only a doughnut vendor. I surrender and buy my lunch at the first hotdog vendor I encounter. I enter the Magasin du Nord where I taste yet another brand of chocolate and licorice coated almonds, which are even more tasteful than those I bought at Irma’s. A shame, as I only have little money left and must buy some gifts. Later on I have a drink with Mapi and Joachim. My dinner is chosen quite lazily, I walk 5 minutes from the hostel and get a Chinese takeaway. At the evening we enjoy some wine, down at the artificial lakes. It’s on our way back that my holiday end with a bang. We decide to take a taxi on our way back and a few minutes after the car speeds off we are hit. What I remember is the bang, raising my head to see the smoke coming out of the airbags and the taste of blood in my mouth. Luckily no one is seriously injured. Only the next day the shock sets in, especially after seeing the picture of the actual damages. I feel so lucky the taxi driver didn’t get the street straight away, or the car hitting us would have surely crashed into me, since I was sitting on the back of the car on the side that got hit. So it goes, my last night in Copenhagen.

IMG_9079

Louisiana’s Museum Garden / Il giardino del Louisiana, Museo di Arte Moderna

– Monday
I’m tired and worn by the crash, the day flows with long walks but I can’t really do much but walk in a trance, like a zombie. I don’t remember much of my visit to Vesterbro, the only real memory I have is of my last meal in town, more like a mid-day snack, with Mapi. We choose to go one last time at Paludan café, where my choice falls on a bizarre combination: coffee cake and a mint smoothie. Don’t ask me why! The cake is nothing special, as the cheesecake I previously had is a little too much on the sweet side, and the dough seems a little too dry to me. One last hug and the promised of coming back soon and I say goodbye to Mapi and the city.

IMG_8993

Torvehallerne market / Il mercato di Torvehallerne

Where to stay, where to eat:
Generator Hostel 

– For a good cappuccino, Paludan bogcafé 
Cheesecake and small cappuccino 58 DKK
Smoothie and coffee cake 74 DKK

– A gorgeous breakfast, Ricco’s
Brownie, coffee ice cream and small cappuccino 62 DKK

– Packed with great value for money, Dyrhaven
Smørrebrød and drink about 98 DKK

– Pizza yeast, Mother
Price per pizza from 75 to 145 DKK

– My favorite breakfast, Meyers Bageri
Kanelsnurrer (cinnamon snail, try it!), rye bun and grapefruit juice 57 DKK
Croissant, tebirkes (sweet pastry filled with lemon cream, covered with poppy seeds), rye bun and chocolate drink 72 DKK

– A tea or one smushi (contamination of the national smørrebrød with sushi), Royal Smushi Café
3 Smushis and an apple juice 163 DKK

– Grab a bite at the Torvehallerne market stalls

Places to go to:
– The round tower with a view on the city, Rundetaarn
– The Museum of Contemporary Art, Kunsthal
– The old harbour, Nyhavn
The Botanical Garden
The Rosenborg Castle (unless there is a long line) and its gardens
The Sculpture Gallery, for lovers of ancient art and sculpture and nineteenth-century
Louisiana Museum of Modern Art 
The Design Museum 

What to buy and take home:
Anything that has to do with licorice! Take a ride on the lower level of the Magasin du Nord where you can taste some specialties.

IMG_9066

Børsen, the old stock exchange building / Børsen, la più antica borse valori del paese

Copenaghen

Come promesso riapro i battenti del blog oggi. Ad aspettarvi non una nuova ricetta ma una piccola recensione della città che ho visitato per le mie vacanze: Copenaghen. Inutile dire che torno dalle vacanze più stanca e acciaccata di quando sono partita (ma di questo ne parlerò più tardi nel post), ma felice di aver finalmente affrontato questo viaggio che languiva nel cassetto da fin troppo tempo.

Diverse cose mi hanno colpita della città. In primo luogo la quasi assenza di traffico. Incredibile da credere ma c’è più possibilità di essere investiti da una bicicletta piuttosto che da una macchina (state attenti ai ciclisti, sono abbastanza aggressivi!). I danesi sono una popolazione incredibilmente rilassata, a volte forse troppo, e per la città si respira un’aria di libertà e leggerezza che non ho mai percepito altrove. In giro si vedono un sacco di padri a spasso con i loro figli, neonati o grandicelli che siano, da soli e completamente a loro agio. Anche le madri sono serene e tranquille, così lontane dallo stereotipo della madre nevrotica che troppo spesso capita di incontrare alle nostre latitudini. Sappiate che sono così rilassate che arrivano perfino a lasciare le carrozzine incustodite, con i figlioli dentro, fuori dai negozi. Ve lo posso garantire perché ne ho viste parecchie di carrozzine fuori dai negozi, con pupi biondi e bellissimi che dormivano come angioletti. Un altro mondo è possibile. Aggiungeteci un sistema sociale che poggia sul principio di uguaglianza ispirato alla legge di Jante, Janteloven, per la quale individualismo e successo personale sono visti di cattivo occhio e lo sforzo dell’individuo per la collettività invece assume un grande valore. Questa forma mentale fa si che gli stipendi siano livellati perché tutti possano avere uno stile di vita decoroso, il welfare che funziona alla perfezione (congedo paternità di un anno, parliamone). Ovvio la Janteloven poggia su dei principi che se presi alla lettera risultano a dir poco oppressivi, e se ne discuteva proprio con il ragazzo di Mapi, Joachim, che sostiene che questa forte influenza fa dei danesi un popolo di persone senza aspirazione e dalle modeste pretese, insomma che questa legge ha un’accezione anche abbastanza negativa. Non so, in ogni caso preferisco di gran lunga questo tipo di mentalità alla forma mentale di aggressiva realizzazione del sé di stampo americano, per la quale ogni persona viene quasi vista come un ostacolo alle proprie aspirazioni. Se a tutto quello descritto sopra ci mettete anche un clima estivo delizioso con sole e un dolce venticello che ti fa mettere uno spolverino leggero…io un pensierino di trasferirmi al Nord lo sto facendo eccome.

Come oramai è diventata mia abitudine la vacanza è stata contraddistinta da una assoluta non preparazione (come al solito mi dico che devo programmare, scrivere indirizzi, informarmi, e come al solito mi perdo via, ho imprevisti dell’ultimo minuto e intoppi vari) un’attitudine spiccata al cammino errante per la città senza alcuna idea di dove stessi andando (o peggio, con la certezza di essere diretta in una direzione per poi trovarmi dall’altro capo della città) e chilometri e chilometri macinati quotidianamente. Mettiamoci l’essermi resa conto un poco tardi del costume di aprire i musei alle 11 e siamo a cavallo. Ma questo mi ha permesso di vivermi in maniera più autentica la città, cosa di cui sono molto felice, soprattutto anche grazie alla compagnia di Mapi. E qua devo spendere due parole, perché questa storia è particolarmente buffa. Mapi ed io ci conosciamo da ben 15 anni. Abbiamo iniziato a chiacchierare sulle chat di MTV e in un qualche modo non ci siamo mai perse di vista, devo ammetterlo anche grazie a Facebook, e abbiamo continuato a scriverci on and off durante tutti questi anni. La cosa buffa è che Mapi ha pure fatto uno stage da Vivetta, un’amica dell’epoca dei miei studi universitari a Firenze ma finora non eravamo mai riuscite ad incontrarci di persona. Prima di partire le ho scritto, anche se ero quasi sicura che le sue vacanze estive le avrebbe passate in Sicilia, e invece no! Mi è andata bene e finalmente ci siamo potute conoscere. Camminando per la città e parlando a ruota libera abbiamo scoperto di avere ulteriori cose in comune, ed è stata una bellissima scoperta! A Mapi un sincero grazie per avermi fatto visitare Nørrebro, Fredriksberg, Christiania e per aver pazientemente camminato portando la sua bicicletta (chi mi conosce lo sa, non amo le biciclette e non ne inforco una da una ventina di anni). Quando tornerò cucinerò per te tante cose buone! Ma passiamo al resoconto del mio viaggio.

Per non fare troppo casino esordirò con un paio di consigli che mi sento di dare a coloro i quali non hanno mai visitato questa splendida città, per poi passare ad una descrizione più dettagliata di quello che ho fatto e che forse avrei dovuto fare, ma si sa che più invecchio e più divento dispersiva.

Copenaghen tips:

– Copenaghen Card sì on no? Bella domanda. Per poter rispondere in maniera esaustiva a questo quesito (che mi son posta fino al giorno del mio rientro) ho preso appunti su tutti i miei vari spostamenti e sui musei che ho visitato. Una carta valida 5 giorni costa 779 DKK, un centinaio di euro, che si rivelano ben spesi se visitate più musei, fate il giro dei canali in barca e usate almeno due volte al giorno i mezzi di trasporto. Un ulteriore consiglio per sfruttare al meglio la vostra carta? Andate al Louisiana Museum of Modern Art, ma di questo museo vi parlerò in dettaglio più tardi. Il mio risparmio è stato di circa 500 DKK, 100 DKK al giorno equivalgono ad un pranzo al volo senza pretese (ma anche un buon smørrebrød con bibita seduti ad un caffè ma dovete sicuramente spostarvi dal centro, ma meno male che anche per questo ho una buona dritta da darvi).

– In molti caffè/bar bisogna ordinare al bancone, perciò non lasciatevi ingannare se vedete che c’è il servizio ai tavoli, è per sbarazzarli! Leggete sempre sulla carta per evitare di stare 10′ ad aspettare, anche perché spesso il servizio può essere molto rilassato.

– Se comprate un pranzo veloce ad un take away prendete sempre i tovaglioli di carta perché spesso non li mettono nel sacchetto, io che son sempre di fretta e con la testa altrove mi ritrovavo a bestemmiare appena aperto il sacchetto…e meno male che tengo sempre i fazzoletti nella borsa!

– Controllate gli orari di negozi e soprattutto dei musei, che spesso non aprono i battenti prima delle 10-11. Un dramma per una mattiniera come me che si è trovata con un palmo di naso in diverse occasioni. Conviene piuttosto farsi un giro per la città, fare un’abbondante colazione per poi affrontare shopping o musei con la pancia piena per poter approfittare al pieno delle manciate di ore di apertura (e se ci tenete proprio a vedere tutti i musei che avete in mente allora pianificate un programma ben preciso, in ogni caso i mezzi di trasporto funzionano molto bene).

– Strade da evitare se soffrite di allergia al turista medio: Frederiksberggade/Amagertorv/Østergade, diciamo in generale le vie principali del centro. Consigliato invece concentrarsi sulle piccole viuzze laterali, dove si trovano un sacco di negozi interessanti, bar e caffè.

IMG_8832

Bicycles, everywhere / Biciclette come se non ci fosse un domani

Cosa ho fatto a Copenaghen, giorno per giorno:

– Mercoledì sera, arrivo ore 19
Il mio arrivo a Copenaghen città dall’aeroporto è rapido ed indolore, salto sulla metro come consigliatomi da Mapi e in 30 minuti sono alla fermata di Kongens Nytorv, in pieno centro. Sulla prima mi perdo un poco, girando in tondo, ma alla prima richiesta di aiuto vengo indirizzata nella direzione giusta e raggiungo in 5 minuti il mio ostello, il Generator. Due parole sull’ostello. Io ho preso un’offerta volo e pernottamento in ostello per 5 notti e ho pagato circa 400 € (comprese le varie tasse – circa 54 € – e un’assicurazione viaggio di 20 € che poi ho scoperto valevole solo per i residenti in Italia, così imparo a fare le cose tutte di fretta) il che mi sembra non male. L’ostello è molto silenzioso, l’unico appunto è che per chiudere la cassapanca sotto al letto ci vuole un lucchetto enorme (che d’ora in poi mi porterò ovunque) che ho dovuto comprare alla reception. Le cassapanche sono un poco scomode, sostanzialmente è impossibile estrarne due alla volta, cosa che rende tutto un poco difficile se la stanza è occupata da sei persone. Ringrazio il cielo di essere sempre stata la prima ad uscire e l’ultima a tornare in ostello! Per il resto tutto pulito, zona centrale e tranquilla. Personalmente trovo un po’ ansiogena l’atmosfera festaiola da ostello per il quale ogni tot ti vengono a chiedere se parteciperai alla serata messicana piuttosto che altre offerte, ma basta declinare con un sorriso ed evitare le aree comuni nei momenti di party. Sarò una musona ma a me viene una tristezza indicibile. Doccia veloce, chiamo Mapi per fissare un appuntamento per mangiare un boccone ma non riesco a raggiungerla. Prendo ed esco, direzione Paludan BogCafé, come da consiglio di Rossella. Il Paludan è una libreria-caffè vicino alla Rundetarn, dove si respira un’aria rilassata ed è d’obbligo spiare i vari scaffali pieni di libri. Come in diversi caffè e bar della città si ordina al bancone, non fate il mio errore che ho perso 10 minuti preziosi…difatti le cucine in alcuni caffè e ristoranti chiudono sul prestino, si parla delle 21.30-22.30, come ho appreso a mie spese la prima sera. Beh, fortunatamente ho potuto ripiegare su una fetta di cheesecake ai mirtilli e un cappuccino! Le torte del Paludan sono decisamente troppo dolci per il mio palato ma vi consiglio vivamente di berci un cappuccino, che è ottimo. Aspettando Mapi, che nel frattempo sono riuscita a sentire, sfoglio la mappa della città appuntando alcuni luoghi di interesse (soprattutto panetterie). Blocco il cameriere che fa per portarmi via il bicchiere d’acqua, tempo due minuti lui ripassa e candidamente mi confessa che il bar sta chiudendo. Ma se sono solo le 22, mica sono rimasta in Svizzera e non me ne rendo conto??? Ossignur! Esco e navigo con il wifi gratuito, mi rollo una sigarettina e aspetto la mia amica. Come da manuale danese Mapi arriva sulla sua bicicletta e finalmente possiamo abbracciarci dopo 15 anni di conoscenza virtuale! Ci dirigiamo verso il quartiere, giovanissimo e multiculturale, di Nørrebro e ci prendiamo una birra. Lì passiamo ore e ore a raccontarci, facendo le ore piccole. Ci salutiamo con la promessa di un pranzo insieme il giorno seguente.

IMG_9142

Cake time at Paludan’s / Merenda da Paludan

– Giovedì
Mi sveglio presto, al mio solito non supero le 6 ore di sonno, e decido di recarmi in uno dei caffè consigliati in questo articolo, il Ricco’s. Peccato che da solita rincoglionita patentata non mi sono segnata l’indirizzo indicato nell’articolo ma mi sono affidata a google maps, di fatto finendo in uno dei piccoli caffè della catena e non in quello specificato da Paul Cunningham. Poco male, mi faccio una scarpinata per il quartiere e vengo ricompensata con un buon brownie (anche se lo preferisco con una buona crosta spessa e meno compatto) accompagnato da un gelato al caffè davvero delizioso e un cappuccino ottimo. Forse l’unica nota di demerito sui cappuccini è che sono davvero grandi rispetto ad un normale cappuccino italiano e ho sempre faticato a finirli. Finita la colazione salto su un autobus in direzione del centro, con tutto il coraggio che ho trovato mi decido ad affrontare la Rundetaarn e la vista di tutta la città dall’alto. La vista è carina, ma niente di inquietante se penso all’orrida esperienza della Torre di Galata di Istanbul, assolutamente gestibile per chi come me soffre di vertigini. In pochi minuti faccio il giro e scatto qualche foto. Tornando indietro guardo qualche opera d’arte esposta all’interno della torre. Che direzione prendere ora? Istintivamente i miei passi si incamminano verso Vesterbro, area più cool della città. Mentre cammino mi imbatto nella Kunsthal museo di arte contemporanea dove attualmente sono esposti i lavori degli studenti della Royal Academy of Fine Arts. Faccio un giro veloce, ammetto di non essere stata granché colpita da alcuna opera però lo spazio è interessante e val la pena una visita. Proseguo oltre e senza usare la cartina finisco dritta dritta in Istedgade il quartiere a luci rosse della città. Ecco, in qualsiasi altro posto penso mi sarei sentita a disagio. Qua no. Tra locali e sexy shop sulla strada non solo persone un po’ losche, ma anche allegre famigliole e carrozzine. Se non fosse stato per la riga di negozi di giocattoli erotici manco mi sarei accorta di nulla. Risalendo verso Frediksberg poi la strada si arricchisce di bellissimi negozi vintage, che mi ero prefissata di visitare l’ultimo giorno di permanenza ma che purtroppo ho saltato visto le mie condizioni fisiche un poco precarie della giornata di lunedì e di cui narrerò a tempo debito. Cammino fino Vesterbrogade e davanti alla Eliaskirken aspetto Mapi. Direzione il Dyrhaven, un caffè dove servono colazione, pranzo e cena con un rapporto qualità prezzo ottimo. Mapi mi consiglia di prendere un piatto semplice di smørrebrød, che costa 68 DKK ed è sufficiente a saziarmi. Vado per un shellfish salad e non me ne pento affatto. La qualità è ottima, i prodotti chiaramente freschi e non si lesina sulla quantità di insalata di pesce che arricchisce le tradizionali fette di pane nero di segale. Il tutto innaffiato da un ottimo ginger ale, ovviamente biologico (inutile dirlo, gli scandinavi sono avanti e tengono molto a che i prodotti che usano siano biologici e di alta qualità). Essendo cascata durante la fashion week Mapi mi propone una passeggiata verso il centro dove ci sono diversi eventi e feste. Il centro è tappezzato con zolle di erba e l’atmosfera è festante. Un sacco di giovani bivaccano in gruppi bevendo birra e chiaccherando e ci viene pure offerto un gelato gratis. Camminiamo verso Nyhavn, l’antico porto di Copenaghen, che pare la versione nordica di Portofino ovvero una cartolina dipinta ad uso e consumo dei turisti. Un poco triste seppur colorato e carino di per sé. Ci spingiamo fino alla Royal Danish Playhouse che affaccia sull’isola di Christianshavn, di fronte a noi c’è il quartier generale di Henrik Vibskov dove stasera ci sarà uno show seguito da una festa. Mapi pensa sia blindato ma ci ripromettiamo di informarci per capire se è possibile entrare. Fissiamo un appuntamento per cena, devo assolutamente provare la pizza di Mother! Le aspettative non vengono deluse, la mia pizza bufala – rigorosamente con lievito madre – è fantastica, soffice e con un bel cornicione alveolato. Il forno a legna, garanzia di qualità, è in bella vista sia all’interno che all’esterno del locale che si trova a Vesterbo, in quello che un tempo era il meatpacking district e che oggi pullula di ristoranti, café e club. Saranno le scarpinate, sarà la generosa pizza (da Mother non si lesina sui condimenti) ma mi sento un poco assonnata, giusto il tempo per un’altra birra in un vicino bar gay e sono su un bus diretto al centro. Niente party Vibskov per noi (e a sentire dal resoconto dell’amica di Mapi c’era da mangiarsi le mani ma tant’è). Al solito all’ostello dormono tutti (e io mi chiedo ma davvero in vacanza in una città non fate che dormire tutto il tempo?? mah!).

IMG_8819

Istedgade, Restaurant and Kinky Shop / Istedgade, dove ristorante e negozio di vestitini scollacciati convivono in armonia

– Venerdì
Al solito mi sveglio presto, con un solo pensiero in testa: Meyers Bageri! Ne ho letto prima di partire in questo post sul blog di Clodagh McKenna. Inutile dire che il panettiere ufficiale del Noma non me lo posso certo fare scappare. Prendo il bus e mi incammino verso il forno di mia scelta, nel quartiere di Nørrebro al numero 9 di Jægersborggade una bellissima viuzza punteggiata da interessanti negozi e caffè accoglienti. La scelta è variegata, ma i miei occhi cadono su una generosa kanelsnurrer (chiocciolina alla cannella) e un panino di segale e uvette che addento più tardi mentre mi avventuro nelle serre del Giardino Botanico. Mi siedo ad uno dei tavolini all’ingresso della panetteria e addento la chiocciolina. L’impasto è perfetto, soffice come un cuscino, dolce al punto giusto. La cannella è ben dosata, non aggredisce il palato. Sono estasiata. Cammino fino al Giardino Botanico come sulle nuvole e mi accoglie un paesaggio meraviglioso. Un lago artificiale si snoda poco dopo l’ingresso e mi guida verso le serre, alle quali si accede per mezzo di una grande scalinata. Una pausa nel verde, il relax all’interno della città più rilassata nella quale io abbia mai messo piede. Un’esperienza oltre il rigenerante. Il Castello di Rosenborg mi aspetta! Ooops, no…sta aspettando una mole di turisti incredibile e la fila davanti alle casse non promette bene. Non nutro dubbio alcuno nella celerità della biglietteria ma visitare un museo in mezzo all’orda di turisti non è proprio cosa che fa per me. Alzo i tacchi e inizio a camminare in libertà, percorro le viuzze del centro e mi ritrovo in Gammel Strand quando ricevo la telefonata di Mapi per organizzare il nostro picnic a Christiania. Facciamo un salto da Irma, supermercato tutto bio e posh targato dk, dove compriamo del Knækbrød, pastrami, un’insalata di pollo fenomenale e dell’uva (io mi son concessa anche delle mandorle ricoperte di cioccolato e polvere di liquirizia divine!) e via verso la cittadella degli hippies. L’impressione di Christiania? Una tristezza infinita… Si arriva e si è accolti da diversi baretti, alcuni anche carini, tralasciando lo stand di hamburger che serve anche pepsi… E sono completamente solidale con gli abitanti del posto nel fare di un fenomeno turistico una fonte di guadagno, della serie: Venite a guardarci manco si fosse allo zoo? Bene allora noi vi diamo la Disneyland dei cannaioli! Ma a me ha lasciato solo tanta tristezza. La sera cammino per la zona di Tivoli, dove mi perdo e alla ricerca di un posto dove mangiare giungo stremata davanti ad un tristissimo iBagel. Il bagel non è male ma è così carico che va roba da tutte le parti. Consumo il mio pasto lì scroccando il wifi, poi chiamo Mapi e ci troviamo alla stazione di Nørreport per bere qualcosa in zona Vesterbro. È in compagnia di un amico siciliano molto simpatico, Emiliano, che non lesina in figuracce (tipo urlare: perché i milanesi devono morire! Giusto quando passa un giovane ragazzo di Milano…ci abbiamo riso su e gli abbiamo offerto una sorsata di vino) e che diciamo è molto espansivo, forse troppo per i miei gusti! Abbiamo chiacchierato di cibo, infatti non vedo l’ora mi mandi la ricetta della caponata di famiglia, e della vita a Copenaghen. Ad una certa Mapi si è defilata ed Emiliano ha insistito per portarmi in un locale, il Gefärlich, dove a suo dire sicuramente avrei conosciuto qualche bellissimo ragazzo (donne sapevatelo, uomini bellissimi, barbuti, rossi e ben vestiti ad ogni angolo della strada!). Entriamo ed è pieno di donne, che ballano tra loro. Bene. Emiliano si butta e cerca di coinvolgermi. Ok, c’è musica hip hop. Difficilmente c’è un genere che odio di più, ok, sicuramente il raggae. Duro 7 minuti poi lo imploro di andarcene. Cerca di convincermi a salire dietro la sua bicicletta per portarmi ad un altro club, un club a modo, ma in 30 secondi netti rischiamo di schiantarci e farci malissimo. Non ce la posso fare. Baci e abbracci e me ne torno buona buonina all’ostello.

Kannelsnurrer at Meyers Bageri / Chiocciolina alla cannella da Meyers Bageri

– Sabato
Sveglia presto, al solito, e l’obiettivo di visitare un sacco di musei in una maratona di bulimia culturale. Povera illusa. Prima tappa Tivoli, perché ingenuamente penso sì sia un parco giochi ma ci sarà qualcosa di più oltre i baracchini, giostre e vari, dopotutto il parco è storico ed è stato costruito nel 1843! Ok, mi sbaglio. Lou, dannata te e la tua pigritudine…informati meglio prima di partire in quarta! Tralasciando l’orario di apertura: le 11. Sì, le 11, motivo per il quale vado a fare colazione – croissant e dolcetto con rabarbaro – da Lagkagehuset, una catena di forni consigliata da più siti ma che personalmente non ho trovato granché nella qualità e fin troppo costosa (andate da Meyer!). Dopo una bella fila di mezz’ora in mezzo entro nel magico mondo della plastica, due occhiate per rendermi conto che sono a Dansk Disneyland e la ricerca dell’uscita più vicina sulla cartina. Tempo di visita circa 4 minuti. Mi infilo nella Gipsoteca. Buona scelta. Mi perdo tra le collezioni permanenti di arte egizia, greca e romana e sculture ottocentesche francesi e danesi, oltre che una collezione di dipinti di artisti prevalentemente danesi. Scopro più tardi che alcune sale che ospitano opere francesi tra le quali dipinti di Degas, Gauguin e Van Gogh sono chiuse al pubblico ma quello che vedo basta a riempire occhi e cuore di bellezza. Tra le tappe che Rossella e altri consigliano c’è il Royal Smushi Café ed è lì che mi dirigo per il pranzo. Siedo ad uno dei graziosi tavolini nella corte interna ed iniziano a cadere le prime gocce di pioggia. Con altre turiste mi accomodo ad un tavolo all’interno ed ordino il tanto osannato Smushi, una contaminazione tra il piatto nazionale, lo smørrebrød, e il sushi. L’idea è quella di comporre lo smørrebrød a mo’ di sushi, un’idea interessante peraltro realizzata con eleganza (che accomuna entrambe le culture, la scandinava e quella giapponese). Tutti i piatti giunti alla nostra tavola erano di una bellezza ed eleganza notevoli. Scelgo l’opzione di tre diversi smushi: salmone, tacchino e fegato di pollo, sgombro. Le aspettative non vengono deluse. Val bene la pena spendere qualche soldo per questa esperienza sensoriale. Gli abbinamenti sono perfetti, sullo smushi allo sgombro dei germogli di pisello freschissimi che inebriano le mie papille gustative. Con la pioggia non mi rimane che rinchiudermi in un museo. Punto sul museo dell’architettura, il Den Frie. Facilmente raggiungibile con il treno ma non molto bene indicato (da lontano parrebbe di più un teatro piuttosto che un museo di architettura moderna), ci passo davanti un paio di volte, incerta se sia il posto giusto. In più davanti all’ingresso, chiuso, ci sono due persone. Mi fermo e chiedo loro se il museo è questo. «Si, ma è chiuso», mi rispondono «Abbiamo suonato ma nessuno è venuto, siamo qua da 15 minuti». Bene, e io mi son presa pure una secchiata d’acqua. Chiacchierando scopro che Andrea è marchigiano mentre Eva è svedese. La pioggia ci concede una tregua e decidiamo di tornare verso Nørreport dove beviamo un caffè in uno dei bar del bel mercato adiacente la stazione, il Torvehallerne. Diviso in due parti il mercato offre un’ottima selezione di generi alimentari, tutti di qualità molto alta. Trovate di tutto, carne, pesce, thé, dolci e qualche ristorante e coffee house dove fare la colazione o un semplice spuntino. Lì chiacchieriamo e scopro che anche Andrea ha un blog, molto speciale e molto dedicato. Un blog dove si è occupato di recensire le pizze alla diavola che ha mangiato in giro per il mondo, e chi l’avrebbe mai detto che un tale blog esistesse? Non si smette mai d’imparare e ho trovato questa idea veramente geniale e divertente. Un paio di caffè e diverse chiacchiere dopo ci salutiamo, non prima di esserci scambiati i contatti. Con Mapi andiamo a fare un giro per le vie del centro, chiacchierando come delle matte al nostro solito, ci mangiamo una pizza vicino all’ostello e ci incamminiamo verso Fredriksberg, dove una sua compagna di corso ha organizzato un aperitivo con amici. Camminiamo per 45 minuti buoni, se non quasi un’oretta, ma è molto piacevole camminare costeggiando i laghi artificiali (Sortedams, Soerne, Peblinge e Sankt Jorgen) mentre il sole cala. Siamo dirette nella zona adiacente alla fabbrica di birra della Carlsberg, e il quartiere che un tempo ospitava le famiglie degli operai. È come visitare un paese all’interno della città. Le case a schiera basse si snodano su stradine strette e viuzze laterali, e le finestre perlopiù prive di tende rivelano la ricca vita sociale e il piacere che gli scandinavi hanno nell’organizzare cene con amici. Sia io che Mapi spiamo senza ritegno nelle finestre, confessandoci l’irresistibile pulsione voyeuristica che proviamo quando passiamo accanto ad una finestra senza tende. Questo quartiere è un vero e proprio paradiso per noi! Passiamo qualche piacevole ora a bere e chiacchierare con ragazzi e ragazze che hanno frequentato il corso di moda alla Royal Danish Academy of Fine Arts. Verso l’1.30 crollo e Mapi e una sua amica mi accompagnano alla stazione del treno. In 6 minuti netti sono a Nørreport, in 15 all’ostello. Mi addormento come un sasso.

IMG_8957

Blue eyed Athena, Glyptoteket / Atena occhio azzurro, Gipsoteca

– Domenica
Oggi Mapi da’ forfait, in programma ho una visita al Louisiana Museum of Modern Art che si trova fuori dalla città, ma visto che mi sono svegliata presto ho tempo per fare un salto alla Meyers Bageri in Amagerbrogade. Scelgo un croissant, un saccottino ripieno di crema al limone e ricoperto da semi di papavero e una bevanda di cioccolato che qua apparentemente viene consumata anche con gli hotdog (blah!). Non faccio a meno di notare che nella panetteria vendono anche barattolini di lievito madre, come non adorarli? Meyers Bageri tutta la vita! Il saccottino è qualcosa di incredibile, come per la chiocciolina alla cannella quello che mi colpisce è l’equilibrio degli ingredienti. La crema al limone lascia una traccia delicata, non troppo dolce né troppo acidula, mentre i semini di papavero accentuano la friabilità della sfoglia. Non ho parole e sono determinata a provare a sviluppare la mia ricetta di questo fantastico panificato dolce. Mi incammino verso il centro, c’è tempo e ho voglia di assaporare l’essenza della città che pare ancora dormicchiare, seppure siano quasi le 9. Cammino per qualche via di Christianshavn, per poi dirigermi a Nørreport dove prendo il treno per Humlebæk, la stazione che dista circa una decina minuti dal museo di Arte Moderna. Una mezz’ora prima dell’apertura delle biglietteria inizia a formarsi una lunga e ordinatissima fila che arriva sino ad uscire dal cancello. Prendo posto poco prima del cancello per non perdere troppo tempo e attendo il mio turno con pazienza., inutile dire che all’apertura la coda procede veloce e senza intoppi. Il complesso museale consiste in un edificio dalle finestre che ricordano le case giapponesi. Degli alti vetri incorniciati da legno scuro fungono da corridoio tra una stanza e l’altra, e la vista è mozzafiato. Da un lato sul rigoglioso giardino interno ed un lago artificiale, dall’altro sempre sul giardino puntellato da statue di diversi artisti (tra i quali Henry Moore) e che si apre sulla vista di un mare e pezzetto di Svezia notevoli, specialmente oggi che tira un forte vento. Ed è verso il giardino che mi dirigo, rapita dalla visione del mare. Il vento forte mi scompiglia i capelli, ho lasciato lo spolverino nell’armadietto del museo e ho un poco freddo, ma il richiamo della natura forte e selvaggia è più forte, quasi da sindrome di Stendhal. Rientro e le sale già brulicano di pubblico, tra cui diversi bambini. Nulla contro, ma trovo difficile godere di un’esibizione quando le sale sono piene di impazienti formichine messe in fila davanti alle opere d’arte, soprattutto se tra le formiche ci sono esemplari giovani e rumorosi. Gli occhi voraci percorro le sale cercando di fissare più cose possibili, fermandomi soprattutto davanti ad opere di Emil Nolde a me sconosciute, perlopiù acquerelli. Un’ala del museo è chiusa per un allestimento e nel giro di circa un’ora e poco più riprendo la via per tornare in città. Scendo a Østerport e cammino fino al Museo del Design che ospita due diverse ale. In una sala viene data una breve storia del mobilio domestico a partire dal 1700 con alcuni esemplari anche di mobilio che sfociano l’area del design per diventare vere e proprie opere d’arte. Un’altra sezione pone attenzione particolare a manufatti di varia natura risalenti al periodo della Belle Epoque. L’esposizione permanente invece focalizza sulla nascita del design nel 20° secolo, analizzando stili e tecniche che hanno fatto la storia. Il Museo è molto modesto. Forse in un eccesso di immaginazione immaginavo un complesso museale modernissimo in vetro, acciaio e cemento e tante tante luci abbaglianti mentre qua l’atmosfera è così domestica che un turista giapponese si allunga su una sdraio esposta. E non nego, il tutto mi sembra anche un pochino polveroso, o sarà l’effetto instagram dei colori dominanti dell’ambiente? In ogni caso un museo da visitare per tutti coloro i quali amano il design e vogliono avere una prospettiva storica e pratica del suo sviluppo. Una capatina veloce all’ostello per controllare dove mangiare un pranzo al volo. Mapi mi ha parlato tanto di questi hotdog biologici che servono attorno alla zona della Rundetarn e trovo conferma online. A quanto pare gli hotdog fanno parte del patrimonio gastronomico locale, e come già accennato il must sembra proprio consumarli accompagnati da una buona bevanda al cioccolato, cosa che non son disposta a fare seppure sostenitrice accanita del rispetto di tradizioni e gusti locali che mio avviso andrebbero sempre quantomeno provati. Percorro in lungo ed in largo la zona della torre ma non trovo nulla, davanti all’ingresso c’è un venditore di ciambelle fritte ma oramai sono fissata con l’hotdog decantatomi da Mapi. Mi arrendo e prendo il primo hotdog generico che incrocio per strada. Giro per negozi ed entro nel Magasin du Nord dove assaggio altre mandorle ricoperte di liquirizia, forse anche più buone rispetto a quelle di Irma. Peccato che ho i soldi contati e qualche ultimo regalino da acquistare. Più tardi bevo qualcosa con Mapi e saluto Joachim che domani sarà al lavoro. La sera, presa dalla stanchezza mangio qualcosa di veloce preso ad un take away cinese vicino all’ostello godendomi gli ultimi stralci di sole nei Giardini di Rosenborg. La sera ci concediamo del vino ammirando uno dei laghi artificiali. Ma è al rientro a casa che la mia vacanza finisce con il botto. Decidiamo di prendere un taxi e pochi minuti dopo l’inizio della nostra corsa l’inaspettato. Non ho nemmeno tempo di accorgermi della macchina che ci urta all’incrocio, il botto quasi non lo sento e rialzo la testa per vedere il fumo degli airbag scoppiati e sentire in bocca il sapore metallico del mio sangue. Fortunatamente non ci son feriti gravi, ho solo dei tagli nel labbro. Solo il giorno seguente accuso un po’ di shock, soprattutto dopo aver visto la foto delle macchine. Lì per lì non mi sono granché resa conto di quello che ho rischiato, essendo io seduta proprio dal lato dell’impatto. Così si conclude l’ultima notte a Copenaghen.

IMG_9086

Louisiana Museum of Modern Art

– Lunedì
Sono stanca e provata, la giornata scorre con lunghe camminate in preda ad uno stato simile a quello di uno zombie che vaga cercando sé stesso. Non posso dire di ricordare molto dei miei giri per Vesterbro, l’unico reale ricordo che ho è quello del mio ultimo pasto in città, più che altro una merenda, con Mapi. Al Paludan café scelgo un’accoppiata bizzarra: torta al caffè e uno smoothie con menta. Non chiedetemi perché, sarà stato lo shock per l’incidente? Devo dire che i dolci del Paludan non fanno proprio per me, sempre un po’ troppo dolci e la torta risulta un po’ secca nell’impasto. Un’ultimo abbraccio e la ripromessa di tornare presto e lascio Mapi e la città.

IMG_8997

All things licorice / Liquirizia a non finire

Dove alloggiare, dove mangiare:
Generator Hostel
– Per un buon cappuccino, Paludan bogcafé
Cheesecake e cappuccino piccolo 58 DKK
Smoothie e torta al caffè 74 DKK

– Una colazione goduriosa, Ricco’s
Brownie, gelato al caffè e cappuccino piccolo 62 DKK

– Pranzo con ottimo rapporto qualità-prezzo, Dyrhaven
Smørrebrød e bibita circa 98 DKK

– Pizza al lievito madre, Mother
Prezzo per pizza da 75 a 145 DKK

– La mia colazione preferita, Meyers Bageri
Kanelsnurrer (chiocciolina alla cannella, da provare!), panino di segale e succo di pompelmo 57 DKK
Croissant, tebirkes (saccottino ripieno di crema al limone e ricoperto con semi di papavero), panino di segale e bevanda al cioccolato 72 DKK

– Un thé oppure uno smushi (contaminazione del nazionale smørrebrød con il sushi), Royal Smushi Café
3 smushi e un succo di mela 163 DKK

– Un boccone tra le bancarelle del mercato, Torvehallerne

Luoghi da visitare:
– La torre con vista sulla città, Rundetaarn 
– Il museo di arte contemporanea, Kunsthal 
– Il vecchio porto, Nyhavn
Il Giardino Botanico
Il Castello di Rosenborg (a meno che non ci sia una lunghissima fila) e i suoi giardini
La Gipsoteca, per gli amanti della scultura e dell’arte antica e ottocentesca
Il Museo di Arte Moderna Louisiana, a 40 minuti dalla città
Il Museo del Design

– Cosa comprare da portare a casa
Tutto ciò che abbia a che fare con la liquirizia! Fatevi un giro al piano inferiore del Magasin du Nord dove potrete assaggiare qualche specialità.

16 thoughts on “Copenhagen / Copenaghen

  1. Tesora, per prima cosa vorrei complimentarmi con te per un resoconto così dettagliato. molto molto bello e non mi sono risparmiata: l’ho letto tutto, riga per riga :)
    ho immaginato le scene attraverso le tue parole e …avrei tanto voluto essere lì.
    ammiro chi sa viaggiare da solo.
    Anche io soffro un po di vertigini pero c’ero salita sulla torre di Galata a Istanbul. ci son cose che vanno fatte.
    per quello che riguarda i viaggi, è bello documentarsi prima, ma è bello anche perdersi a naso per le stradine, come hai fatto tu.

    Grazie di questo prezioso reportage e…Bentornata amica mia!
    Ti voglio bene :* :* :*

    PS: apriamo una piccola bottega del pane e vendiamo pure noi i vasetti di lievito madre? :’)
    <3

    • Io sulla torre di Galata son salita, il problema è che mi è venuto un attacco di panico e non riuscivo a proseguire in avanti e son tornata indietro per i dieci passi che ero riuscita a fare…sono stata malissimo per tutta l’ora successiva…andrà fatto ma io preferisco guardarmi una foto della vista :D

      Per il resto grazie per aver letto tutto il post <3
      Per la bottega…e perché no?
      Un abbraccio
      Lou

  2. Sono stata a Copenhagen quando ero piccola e sciocca. Ora che sono anziana e saggia e che ho letto fino in fondo tutto il tuo diario di viaggio, vorrei partire domani!! Grazie mille per la condivisione dettagliata… io che sono pazza per il tè e per la liquirizia avrei trovato pane per i miei denti a quanto ho capito!
    Carla

  3. Che spettacolo questo post Lou e quanti dettagli utilissimi…potresti scrivere per Routard!! Quando organizzerò il mio viaggio a Copenagen tornerò prima qui a leggermi tutti i tuoi consigli!!
    Un bacione

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...