Twelve Loaves: Courgette, feta, honey and sesame seeds pull-apart bread / Twelve Loaves: Pane da strappare con zucchine, feta, miele e semi di sesamo

Summer Pull-Apart Bread 1

Last month has been quite hectic…attending Food Blogger Connect Conference was quite tiring and it took me a few days to recuperate my energy, then trying to put together the lessons learned at the conference (I am still struggling, I admit, especially geek wise) writing a couple of advertorials and working on other projects. So stressed out I completely forgot about Twelve Loaves. I could have dropped out just for this month but the theme, Summer Fun, immediately triggered something in me. Summer, sun, sea. My memory has taken a leap back in time, an Olympic jump to twenty years ago. My first holiday in Greece when I was twelve years, and a second holiday when 19 years old. Icaria, the island where hapless Icarus fell from the sky, his wax wings melted for not having listened his father Daedalus’s advice of not to get too close to the sun. What joy I felt scooping spoonfuls of translucent golden, sweet and sticky honey over greek yogurt. Of a milk-white, almost blinding colour which was so similar to that of the small houses perched on the cliffs of the island, dense enough to hold up a teaspoon and velvety to the palate. I remember jars filled amber-like honey, but no bees or other insects were encased in the thick nectar but perfectly shaped walnuts, dark and compact that gave the precious liquid a distinct flavour of the woods they were picked in. I loved to feel them cracking under my teeth, chopping the kernel in small pieces as some pieces of its skin clung to the palate getting stuck between my teeth, an annoying but irremediable compromise to enjoy the precious fruit. Feta was another discovery, an ingredient which I had never eaten before. White and crumbly, salty and with the distinct flavour of sheep’s milk. It was love at first sight. Mixed in with juicy tomatoes, olives black as night and a good dash of olive oil and vinegar it was very often our lunch or dinner of choice on the island. What remained on the bottom of the bowl, a delicious blend of tomato juice, oil, vinegar and feta crumbs, was voraciously mopped up with a bread sprinkled with sesame seeds quite similar to the turkish Simit. Generally a contentious issue arose between my mother and I, as we have always been both quite fond of the tomato salad juice! With these images full of sunshine, happiness and relaxation I came up with this recipe. I purposely chose this kind of bread, the pull-apart, because I find it quite suitable for an informal summertime lunch or dinner. I was inspired by a recipe from the blog Just a taste but I decreased a little the amount of butter and yeast, and found it excellent. A crumb soft as a cloud that goes down very well with the sweetness of honey and courgettes, the feta giving a perfect salty touch. Sprinkling the sesame seeds on top seemed to me the perfect solution to give the bread a nice crispiness under the teeth, a detail which takes me back to the island of Icaria.

Courgette, feta, honey and sesame seeds pull-apart bread
Makes a 10×25 cm bread

175 AP flour
4 g sugar
2 g salt
1 g instant yeast
40 g milk
25 g butter
30 ml water
1 eggs

For the filling
1 courgette, grated and dried with some kitchen paper
100 g feta
3 tablespoons honey

sesame seeds to sprinkle on top

Mix the dry ingredients together.
Put the milk and butter in a small pan and let the butter melt on low heat.
Mix wet ingredients to 150 g of the dry ones, slowly and until all absorbed.
Add the egg, always making sure the previous ingredients have been thoroughly absorbed.
Add 25 g of flour until completely absorbed.
Put in a bowl and cover with plastic wrap, leave at room temperature until doubled in size, it took me about an hour.
Roll a rectangle of 24×30 cm, spread with honey, sprinkle with the courgette and crumbled feta.
Cut 5 strips on the longer length, then put them one on top of the other.
Cut into 4 squares.
Place them into a heavily buttered loaf tin, seam down, and let rise at room temperature until doubled, approx an hour.
Bake in preheated oven, at 180° C for 25′, then lower at 150° C and bake a further 10′.
Out of the oven let cool 10′ before you take the bread out of the tin, or it pull pull apart!

#TwelveLoaves July: Summer Fun. The month of June was filled with lovely CHERRIES! We have chosen Summer Fun as our theme for July. Let’s share flat breads, rolls, buns, grilled breads – whatever sweet or savoury version you’d like and whatever you feel reflects summer flavours! Whatever you bake, (yeasted, quick bread, crackers, muffins, braids, flatbreads, etc) have fun and let’s have a delicious month of bread for SUMMER FUN! Let’s get baking!

#TwelveLoaves July: Summer Fun
If you’d like to add your bread to the collection with the Linky Tool this month, here’s what you need to do!
1. When you post your Twelve Loaves bread on your blog, make sure that you mention the Twelve Loaves challenge in your blog post; this helps us to get more members as well as share everyone’s posts. Please make sure that your bread is inspired by the theme!
2. Please link your post to the linky tool at the bottom of my blog. It must be a bread baked to the Twelve Loaves theme.
3. Have your Twelve Loaves bread that you baked this July 2014, and posted on your blog by July 31, 2014.
#TwelveLoaves is a monthly bread baking party created by Lora from Cake Duchess.
#TwelveLoaves runs smoothly with the help of our friends. Thank you to Stacy from Food Lust People Love for hosting this month’s event!

Here is a list of this month’s bread recipes

Powered by Linky Tools

Click here to enter your link and view this Linky Tools list…

twelve-loaves10-300x218

Summer Pull-Apart Bread

Twelve Loaves: Pane da strappare con zucchine, feta, miele e semi di sesamo

È stata una corsa all’ultimo secondo la mia questo mese…mettici l’FBC, il riprendersi, cercare di unire tutte le varie lezioni imparate (fatico, lo ammetto) scrivere un paio di pubbliredazionali e fare altre cose legate ad altri progetti. Mi ero completamente scordata dell’appuntamento con Twelve Loaves. Avrei potuto capitolare ma il tema, Summer Fun, ha fatto subito scattare qualcosa in me. L’estate, il sole, il mare. La mia memoria ha fatto un salto indietro, un salto olimpico a vent’anni fa. La prima vacanza in Grecia a dodici anni circa, e la seconda un poco più in là quando avevo 19 anni. Icaria, l’isola dove lo sventurato Icaro franò, le ali in cera sciolte per non aver ascoltato le parole del padre Dedalo ed essersi avvicinato troppo al sole. Il miele traslucido, dorato e dolcissimo mescolato a cucchiaiate di yogurt greco bianco latte, di quel bianco accecante delle belle casette arroccate sulla roccia. Denso tanto da tenere in piedi un cucchiaino da caffè e vellutato al palato. Ricordo barattoli ripieni di miele con le sembianze di ambra, ma non api né altri insetti racchiusi nel denso nettare bensì noci dalla forma perfetta, scure e compatte che donavano al liquido prezioso un distinto sapore di bosco. Adoravo sentirne scrocchiare la polpa, tritando con gusto il gheriglio mentre pezzetti di pellicina si attaccavano al palato e si insinuavano tra i denti, un compromesso fastidioso ma irrimediabile per gustare il prezioso frutto. Un’altra scoperta fu la feta, che mai avevo mangiato prima di allora. Formaggio candido e sbricioloso, salatissimo e dal sapore distinto di latte di pecora. Fu amore a prima vista. Mischiato a pomodori succosi, olive nere nere come la notte, olio d’oliva e una buona dose di aceto consisteva nel pasto consumato più di sovente sull’isola. Quello che rimaneva del sugo dell’insalata veniva voracemente raccolto con del pane al sesamo, una ciambella molto simile al Simit turco, ed era generalmente motivo di contenzioso tra me e mia madre che da sempre siamo ghiottissime del sughetto dell’insalata di pomodori. Con queste immagini cariche di sole, felicità e relax ho affrontato questa ricetta. Ho scelto appositamente questo tipo di pane che non avevo mai provato prima d’ora, il pull-apart bread, perché lo trovo molto adatto per un pranzo o una cena conviviale ed estiva. Ho preso spunto da questa ricetta dal blog Just a taste diminuendo però un po’ le dosi per il burro e per il lievito e l’ho trovata ottima. Una mollica soffice come una nuvola che ben si sposa alla dolcezza del miele e delle zucchine, mentre la feta da’ il tocco salato ideale. L’idea di mettere il sesamo mi sembrava perfetta, per dare quella croccantezza sotto i denti che mi piace tanto e mi riporta con i ricordi sull’isola di Icaria.

Pane da strappare con zucchine, feta, miele e semi di sesamo

175 g farina 00
4 g zucchero
2 g sale
1 g lievito istantaneo
40 g latte
25 g burro
30 ml acqua
1 uovo

Per il ripieno
1 zucchina, grattugiata e asciugata con della carta da cucina
100 g feta
3 cucchiai di miele

semi di sesamo per la copertura

Mescolate gli ingredienti secchi insieme.
Mettete latte e burro in un pentolino e lasciate sciogliere il burro a fuoco basso.
Mescolate gli ingredienti umidi a 150 g di quelli secchi, lentamente e fino a completo assorbimento.
Aggiungete l’uovo, facendo sempre attenzione che gli ingredienti precedenti siano stati completamente assorbiti.
Aggiungete 25 g di farina, fino a completo assorbimento.
Mettete in una ciotola e coprite con pellicola trasparente, lasciate a temperatura ambiente fino a quando raddoppia, a me è bastata un’ora.
Stendete un rettangolo di 24 x 30 cm, spalmate con miele, e condite con zucchine e feta sbriciolata.
Tagliate 5 strisce uguali, circa 6 cm, sul lato più lungo, poi mettetele una sopra l’altra.
Tagliate in 4 quadrati.
Mettete i quadrati in uno stampo da plumcake imburrato, con la parte del taglio sotto, e lasciare lievitare a temperatura ambiente fino al raddoppio, circa un’ora.
Cottura in forno preriscaldato a 180° C per 25′, poi abbassate a 150° C e cuocete altri 10′.
Fuori dal forno lasciate raffreddare 10′ prima di togliere il pane dallo stampo.

# TwelveLoaves luglio: Summer Fun. Il mese di giugno è stato a tema ciliegie. Abbiamo scelto “Summer Fun” come tema per luglio. Condividiamo focacce, panini, pane alla griglia – qualunque versione dolce o salata che per voi rispecchiano di più i sapori dell’estate! Qualunque cosa tu voglia cuocere questo mese l’importante è divertirsi! Andiamo a impastare!

# TwelveLoaves luglio: Summer Fun
Se vuoi aggiungere il tuo pane alla raccolta puoi usare lo strumento Linky, ecco come devi fare!
1. Quando pubblichi il tuo pane sul blog, assicurati che sia a tema con la consegna di Twelve Loaves e ricordati di menzionare la raccolta; questo ci aiuta a ottenere più membri così come a ritrovare i post di tutti.
2. Inserisci il tuo post nel Linky Tool nella parte inferiore del blog.
3.Il pane va pubblicato sul tuo blog entro il 31 luglio 2014.

# TwelveLoaves è una raccolta mensile di ricette di pane creata da Lora da Cake Duchess.
# TwelveLoaves funziona grazie all’aiuto dei nostri amici. Grazie a Stacy del blog Food Lust People Love per l’aiuto per l’evento di questo mese!

Qua trovate tutte le altre ricette

Powered by Linky Tools

Click here to enter your link and view this Linky Tools list…

twelve-loaves10-300x218

31 thoughts on “Twelve Loaves: Courgette, feta, honey and sesame seeds pull-apart bread / Twelve Loaves: Pane da strappare con zucchine, feta, miele e semi di sesamo

  1. Bellissima ricetta Lou. Devi sapere che per me tu sei la mia mentore degli impasti e delle tue ricette mi fido ciecamente. In questo periodo amo molto lievito istantaneo, perchè mi permette di panificare pur non avendo tempo a disposizione. Certo, non è la stessa cosa, ma aiuta. Questo pane mi sembra favoloso e finalmente ho trovato una buona ricetta che non sia troppo ricca di uova, ma da poter riempire con fantasia.
    Bellissimi i tuoi ricordi della Grecia. Pensa che io non ci sono mai stata (che vergogna :()
    Ti stritolo forte,
    baci

    • Angiola ma così a me vengono le ansie da prestazione veh!!!!
      Guarda sembrerà assurdo e blasfemo visto il nome del mio blog ma ultimamente mi capita spesso di usare il lievito istantaneo.
      In genere faccio delle lunghe lievitazioni ma ultimamente faccio una fatica bestiale ad organizzarmi.
      L’importante è usare piccole quantità e non fare brevissime lievitazioni, tipo 30′!!!!
      Guarda stella io penso che mi debba vergognare su tutti i posti che non ho visitato in Italia…dovrei fare un “corso di recupero”!
      Questo pane mi ha piacevolmente stupita e non oso immaginare le mille varianti possibili, dolci, salate mmmhhhhhhhh
      Un abbraccio granderrimo
      Lou

  2. Lou, j’avais envie de “pull apart” ce pain depuis l’écran de mon ordinateur. Ca a l’air trop bon, et tes photos sont magnifiques ! Je n’ai jamais préparé de pull-apart bread (je ne suis pas une grande spécialiste de la boulange), mais ça ça me fait très très envie !

  3. I am in love with your holiday and this bread, Luisa! I want to be on the beach, tasting the salt air and eating honey and feta and olives! And your pull-apart bread with all the cheese and courgettes. It all sounds heavenly.

  4. Non so se è più spettacolare la ricetta, o il tuo racconto che ho letto tutto d’un fiato, in questa poccola pausa per il caffé.
    Io sono l’altra ghiotta del sughetto dei pomodori….lo trovo così buono! Raccoglie in sé tutto il condimento ed è buonissimo da tirare su con un buon pane.
    In una sola ricetta hai riunito i tuoi ricordi…..sei la mia gioia!

    Baci come si deve.
    Sono fiera di te!
    :* :* :*

    • Grazie ciccia! Quanto avrei bisogno di una vacanza come ai vecchi tempi…mare, sole, insalate e cazzeggio…
      Poi ci penso e mi chiedo: “Ma se poi dopo due giorni mi rompo????”
      Ma sarò normale?
      Beh, vediamo di andare in Danimarca prima, e poi magari se c’é qualche margine per il mare…ma non so nemmeno io, il mare smuove sempre molte cose.
      Ti abbracciavo immensamente e aggiungevo un dai dai dai che ci sta sempre ;)
      Bacissimi
      Lou

  5. Pingback: Upside Down Banana Bread

  6. Your bread is as gorgeous as your writing! So glad you opted in to share your bellisimo creation infused with summertime memories =)

    • Hi Kim!
      Thank you so much for your kind words.
      I loved this bread, such fun to tear it apart (I always stress on how much I love to tear apart and unravel food such as mozzarela, sfogliatelle and some breads…and discovered many other friends do that too :) ).
      Would love to have one of your muffins right now, it’s breakfast time in Switzerland ;)
      Have a lovely day
      Lou

  7. Sempre originale e molto creativa, un’ottima ricetta per uno spuntino veloce ma completo, per una pausa pranzo.
    Il tutto incorniciato da un racconto felicemente nostalgico, è ovvio, alla tua giovane età le nostalgie sono connotate da gioia di vivere!
    Ti saluto caramente, sei sempre nei primi posti della mia personale classifica, brava!

    • Buongiorno cara Maria Teresa,
      grazie per il tuo commento!
      Infatti una parte di questo bel pane è stata il mio pranzo, che in estate non mi riesce troppo di mangiare e un pane del genere è poco ipegnativo e leggero.
      Ti ringrazio per i complimenti sempre pieni di affetto, tu lo sai che sei per me la super artista del pane ;)
      Un abbraccio
      Lou

  8. riesco a trovare 5 minuti solo ora! il pull-apart è da qualche mese nella lista dei lievitati da provare…certo che con i tuoi ingredienti, cui fa da sfondo il ricordo emozionante delle vacanze in Grecia, non può non essere favoloso! brava, brava, brava
    notte!!!

  9. Pingback: Chocolate Zucchini Quick Bread #TwelveLoaves | Bakewell Junction

  10. I adore pull-apart breads (sweet and savory). Your story took me to Icaria (I’ve never been there). I love that you almost pulled out of the event and then came up with this delectable bread and even more delectable story to go with it (the tomato juice is something we argue over as well at the table…perfect for great bread to soak up!).

  11. No, vabbè. Hai vinto su tutte. Io amo il pane in tutte le sue forme, ma leggendo il nome della ricetta “pane da strappare”, sono quasi svenuta. La ricetta è stupenda, l’ho stampata, devo assolutamente provare quest’opera d’arte, solo allora potrò vivere dignitosamente. Siamo amiche su facebook, e venendo per la prima volta qui, e trovando delle ricette e delle intro superbe, ho avuto conferma che sei interessantissima e alternativa. Mi piaci, tornerò presto! Ciao genio! Ale

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...