Garganelli and Ragù alla Mamma / Garganelli del riciclo pasquale e ragù alla mamma

garganelli ragùI still remember the day when I virtually met Michela, aka Menta e Rosmarino, on Facebook’s group Panissimo. She had just published a recipe for a very nice bread. As absurd as it sounds I vaguely remember the loaf but remember very well the main colors of the photo, white and red, which I later discovered to be her “signature colors”. A sort of White Stripe of baking my friend, the third missing element who I imagine playing the pans using woden spoons. No time for digression, let’s get on with my story.

I immediately went to spy out the post on her blog, and there I discovered other posts, about her travels in the Middle East and her love for Iran. My heart skipped a beat. A few months earlier I had made a short trip to England to attend my cousin’s wedding. Civil marriage and a gorgeous Persian ceremony. Iranian cuisine is not a mistery to me. My uncle married a lovely Persian woman, and since my childhood I had the chance to taste her wonderful dishes, when we went over to England. Those three days spent by my uncle and aunt are engraved in my heart. A cup of tea always in my hands, iranian typical sweets eaten with relish and the magnificent lulling sound of farsi chatter of my aunt with her cousins and dear friends. I immediately wrote to Michela, saying how her words about Iran got under my skin, making my heart and soul vibrate. Slowly, we are both quite cautious and wary, our friendship was born. When she asked whether I would like her to come to visit me during the Easter holidays I wasn’t surprised, and given my natural inclination to welcome friends and family to my house I said yes immediately. Only once a moment of doubt hit me, which was immediately shared with Michela: the only person I can cook in the same kitchen with is my father. I do not tolerate, accept nor stand the presence of anyone else in the kitchen and just one person who buzzes around raving about the heavenly scents coming from the pot is able to abruptly change the mystical state I am in while cooking. I get nervous, rude, lose concentration. In short, fear of turning into Mrs. Hyde in an apron was great, and warning my friend seemed the least I could do.

Time flew by and I found myself waking up at 5.30 am curious and excited as if it was Christmas morning. My surprise gift was Michela! In our comments and posts on our blogs and in Panissimo I made the promise I would greet her, on our first encounter, with a big bunch of breadsticks in my hand but unfortunately with the tremendous amount of work I was confronted with in April I wasn’t able to bake half a pan! The first thought on my arrival at Linate, after taking the highway in the opposite direction (that’s the habit of driving from Chiasso to Mendrisio), was to find some breadsticks. And I found them! I had brought a beautiful red ribbon from home and tied them in a hurry. What I did not know was that Michela had already arrived. And was desperate because she wasn’t able to contact me. But in the end she was able to call me and off we went to Chiasso city!

The first day was spent opening the different gifts that we made each other (Michela had brought me tons, it really fellt like Christmas day!) We talked a lot and drank a lot of tea. We planned our moves for the menu that we promised each other to cook together. I didn’t turn into Mrs Hyde, not at all. Cooking with Michela has been lovely, and funny. She resembles a lot my father in the kitchen. Mise en place is vital for both, unlike me. Lazy as I am usually scaling is done in the same bowl, dry ingredient first and then, wet ingredient splashed right on top. I must admit that this habit led me to have a quite precise  “weighing eye”! I found her presence in the kitchen very relaxing, and not I moment I wished she was not there, on the contrary it was so nice and natural. Anyway, some chocolate was splashed in my face and on the kitchen walls, a lot of punk music was played from playlists on youtube and laughter. A first course and a dessert (for which you will have to wait until Thursday), this what we cooked. Michela had brought with her a wonderful tool to make Garganelli and together we decided to make a nice italian mom style ragù, a sauce that none of us had ever done seriously. The result? Spectacular! I never ate such a gorgeous homemade sauce. Luckily I have a good supply in the freezer! To make garganelli we used only the egg whites as I had quite a bit left after my small and personal colombe baking (I think I’ll end up publishing the recipe in August or next year, however it’s a gorgeous recipe by Fables de Sucre and it is really good, so much I have already received orders from family and friends for the next year). That’s why they are a little pale, but I assure you they taste good! Bon appetit!

Do not forget to pop over at Michela’s post too ;)

Garganelli and Ragù alla Mamma
Serves 2 people

Garganelli
200 g semolina
100 g egg whites
1 tablespoon of warm water
1 pinch of salt

Make a fountain with the flour and at the center add egg whites, water and a pinch of salt .
Knead until the mixture is smooth and homogeneous.
Cover with plastic wrap and let rest 30’.
Roll out the dough with a rolling pin or with the pasta machine.
Cut out some squares with a knife, about 4×4 cm.
Shape garganelli with the special tool or with a gnocchi tool and the aid of a pencil, as shown here.

Ragù
250 g chopped tomatoes
100 g lean pork
100 g lean beef
100 ml of white wine
60 g tomato concentrate
2 bay leaves
1 carrot
1 stalk of celery
1 medium onion
olive oil
salt and pepper to taste

Wash and clean celery, carrot and onion.
Chopped them all finely and put in a saucepan with some extra virgin olive oil and and bay leaves.
Cook for a few minutes.
Add the tomato paste and mix in.
After a few minutes, add the meat and let it cook for a few minutes.
Add the wine and let it fade completely before adding the tomatoes.
Let it cook until a sauce thickens.
Towards the end, add salt and pepper.

Cook the garganelli in salted boiling water, when ready mix in theragù sauce and serve immediately.

garganelli 2

Garganelli del riciclo pasquale e ragù alla mamma

Ricordo ancora il giorni in cui la conobbi virtualmente Michela, aka Menta e Rosmarino, sul gruppo Facebook di Panissimo. Aveva pubblicato la ricetta di un pane molto bello. Per assurdo ricordo vagamente la pagnotta ma ricordo molto bene i colori della foto bianco e rosso, che più tardi ho scoperto essere i “signature colors” della mia cara amica. Una sorta di White Stripe della panificazione la mia Mentuccia, il terzo elemento mancante, che suona le teglie a suon di mestoli. Ma sto divagando. Andai subito a spiare il post sul suo blog, e lì scoprii dei suoi viaggi in Medio Oriente e del suo amore per l’Iran. Un tuffo al cuore. Qualche mese prima avevo fatto un breve viaggio in Inghilterra per partecipare al matrimonio di mio cugino. Un matrimonio civile e una cerimonia all’iraniana. Sì, perché io la cucina iraniana la conosco sin da piccina essendo mio zio materno sposato con un’incantevole donna di natali persiani. Quei tre giorni spesi dai miei zii son rimasti nel mio cuore. La tazza di thé sempre tra le mani, i dolcetti tipici sbocconcellati con golosità e il magnifico suono cullante delle chiacchiere in farsi tra mia zia e le sue care amiche e cugine. Subito scrissi a Michela, dicendo di quanto le sue parole sull’Iran fossero penetrate sotto la pelle, facendo vibrare cuore e anima. Pian piano, siamo entrambe abbastanza caute e diffidenti, nacque la nostra amicizia. Quando mi propose di venirmi a trovare durante le vacanze di Pasqua non mi stupii, e anzi vista la mia naturale propensione ad accogliere amici e parenti a casa mia le dissi subito di si. Ammetto di aver avuto un unico momento di dubbio, subito condiviso con Michela: io in cucina ci sto solo con mio padre. Non tollero, non accetto, non sopporto la presenza di nessun altro e solo una persona che mi ronza intorno decantando i profumi paradisiaci che sprigionano dalla pentola è capace di farmi perdere lo stato mistico in cui mi trovo quando sono presa ai fornelli. Mi innervosisco, divento brusca, perdo pezzi. Insomma la paura di trasformarmi in Mrs Hyde in grembiule era tanta, e avvertire la mia amica mi sembrava proprio il minimo che potessi fare.

Così il tempo è volato e mi son ritrovata sveglia come un grillo alle 5.30 curiosa ed agitata come se fosse la mattina di Natale. Il mio pacco sorpresa era Michela! Nei nostri deliri sui rispettivi blog e in Panissimo le avevo promesso di presentarmi, al nostro primo incontro, con un bel mazzo di grissini in mano. Purtroppo un’immensa mole di lavoro mi ha tenuta occupata tutto il mese di Aprile e io non sono riuscita a stirarne nemmeno mezza teglia. Il primo pensiero, arrivata a Linate dopo aver preso l’autostrada in senso contrario (ah la forza dell’abitudine di fare il percorso Chiasso-Mendrisio), è stato quello di trovare dei grissini. E li ho trovati! Mi ero portata un bel nastro rosso da casa e in fretta li ho legati. Non potevo sapere che Michela era già arrivata. E disperata perché non in grado di contattarmi. Ma questo lascerò che lo racconti lei. In breve, fortunatamente alla fine è riuscita a chiamarmi e siamo andate via. Direzione Chiasso City!

Il primo giorno l’abbiamo speso scartando i diversi regali che ci siamo fatte (Michela è un’esagerata, mamma mia mi sembrava davvero Natale!) parlando e bevendo thé. E programmando le nostre mosse per il menù che ci eravamo ripromesse di cucinare assieme. Non mi sono trasformata in Mrs Hyde, per nulla. Anzi cucinare con Michela è stata un’esperienza fantastica. Somiglia molto a mio padre nel suo modo di organizzare la cucina e gli ingredienti. Per entrambi la mise en place è importantissima, a differenza mia che molto pigramente ho preso l’abitudine di pesare gli ingredienti nella stessa ciotola. In barba ad ogni cautela prima peso gli ingredienti secchi e poi ci butto sopra quelli liquidi. Ammetto che questa mia cattiva abitudine mi ha però permesso di sviluppare un “occhio a bilancia” e oramai più spesso che volentieri ci imbrocco al primo colpo senza dover metterci delle pezze (di farina!). La presenza di Michela in cucina era così naturale e gradevole che mi ha pure rilassata in momenti di ansia panica, mica roba da poco! Tra cioccolato schizzato in faccia e sui muri, playlist punk su youtube e grasse risate siamo anche riuscite a produrre due ricette davvero sfiziose. Un primo e un dolce (per il quale dovrete aspettare giovedì). Michela aveva portato con se un magnifico attrezzo per fare i garganelli e insieme abbiamo deciso di fare un bel ragù da mamma, cosa che nessuna di noi due aveva mai fatto seriamente. Il risultato? Spettacolare! Un ragù fatto in casa così buono non l’ho mai assaggiato. Meno male che ne ho una bella scorta in congelatore! Per i garganelli abbiamo usato esclusivamente gli albumi, visto che ne avevo un bel po’ sul groppone dopo la mia piccola e personale colombiade domestica (penso che finirò di pubblicare la ricetta ad agosto oppure l’anno prossimo, comunque è questa dei Fables de Sucre ed è davvero ottima tanto che ho ricevuto già ordini da famigliari e amici per il prossimo anno). Sono venuti ottimi, certo un po’ pallidi ma ottimi! Buon appetito!

E non dimenticate di passare a fare un saluto a Michela e spiare la sua versione dell’avventura in cucina, io devo ancora andare e già sono emozionata!

Garganelli del riciclo pasquale e ragù alla mamma
x 2 persone

Garganelli all’albume
200 g semola rimacinata (noi abbiamo usato il friscello speciale del Mulino di Maroggia)
100 g albumi
1 cucchiaio di acqua tiepida
1 pizzico di sale

Sul piano di lavoro fate una fontana con la semola e al centro aggiungete albumi, acqua e un pizzico di sale.
Impastate fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo.
Avvolgete nella pellicola e lasciate riposare 30’.
Stendete la pasta con un mattarello o con la sfogliatrice.
Create dei quadratini con un coltello, circa 4×4.
Formate i garganelli con l’apposito attrezzo o con una paletta riga-gnocchi con l’ausilio di una matita, come mostrato qui.

Ragù
250 g polpa di pomodoro
100 g polpa di maiale
100 g polpa di manzo
100 ml di vino bianco
60 g concentrato di pomodoro
2 foglie di alloro
1 carota
1 costa di sedano
1 cipolla media
olio
sale e pepe q.b.

Lavate e pulite sedano, carota e cipolla.
Tritate finemente le verdure e soffriggete in una casseruola con un giro di olio extra vergine e le foglie di alloro.
Fate rosolare qualche minuto.
Aggiungete il concentrato di pomodoro e amalgamate.
Trascorsi un paio di minuti aggiungete la carne e fatela cuocere per qualche minuto.
Unite il vino e lasciatelo sfumare completamente, poi aggiungete la polpa di pomodoro.
Lasciate cuocere fino ad ottenere un sugo ristretto.
Verso la fine, aggiustate di sale e pepe.

Cuocete i garganelli in abbondante acqua salata, scolateli e uniteli al ragù caldo.
Servite subito.

ragù

13 thoughts on “Garganelli and Ragù alla Mamma / Garganelli del riciclo pasquale e ragù alla mamma

  1. Che bella storia tesoro! Adesso mi viene da sorridere a pensare a quando non riuscivo più ad accendere il telefono e non sapevo come contattarti, non avevo il tuo numero ed ero nel panico completo. Ma lì un pò di paura l’ho avuta.
    Che poi non ricordo se te lo avevo detto, ma nel panico ero anche uscita a cercarti fuori…se ti avessi vista ti avrei riconosciuta subito, ma tu non c’eri.
    Per fortuna è andato tutto per il meglio…e abbiamo passato giorni felici. Dico felici di proposito, perché la felicità non è una cosa di sempre.
    Mi sono sentita a casa. E anche lavorare insieme è stato davvero piacevole.
    Sui garganelli non mi posso pronunciare, perché sarei di parte, ma….che piatto, ragazzi! Me lo sogno a occhi aperti, tutti i giorni, quando mi viene fame :D
    Grazie ancora per la splendida accoglienza e ricordai i……… “cinesi pratesi” :D
    Viva le blogger punk! :*:*:*
    Ti voglio bene ciccia ❤

    • Ahhahahhaha tesora, è stata una bella scoperta.
      O meglio, la conferma di un’incontro di anime avvenuto mesi fa.
      Io e te proveniamo dallo stesso impasto, stessa farina, stessa idratazione, stesso tutto :D
      Io rilancio con un tele-cinesi, che tra l’altro casca a fagiuolo essendo io e te telepatiche :D
      Baci tantissimi, adoro te e il tuo rigore e le tue mise en place del giorno prima.
      Per far casino e schizzare di cioccolato la cucina ci sono io!
      <3 <3 <3

  2. Oh wow, questo mi piace very, very much Lou. I am so impressed that you made your own garganelli; the special utensil is so pretty, and the results simply perfect. I am definitely bookmarking your recipe, even if it might take a while before I dare to try it out! Brava!

    • Merci beaucoup ma chére Darya!
      I loved this dish so much I cannot explain in words, especially because I cooked with Michela and it was pure love for cooking and pure friendship.
      Let me know what you think about it if you ever find the time to give it a try ;)
      It’s easier than it seems, you just have to put the right pressure on the pasta to seal it properly.
      Bisous
      Lou

  3. Cara Lou, con piacere ho letto il tuo racconto dell’incontro con Michela, e dei vostri giorni assieme.
    Che bella cosa aver scoperto una empatia così forte! Sono felice per voi.
    e sono felice per noi che possiamo replicare un piatto buonissimo, frutto di questa vostra empatia! ;-)
    un caro saluto! Ele

  4. Pingback: Bavarian Cream with White Chocolate, Cinnamon and Orange and Dark Chocolate Butterflies / Un bavarese a quattro mani e due cervelli: Bavarese al cioccolato bianco, arancia e cannella con farfalle di cioccolato fondente | rise of the sourdough preacher

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...