Buckwheat Lasagna with Scampi and Leeks / Lasagna al grano saraceno con scampi e porri

lasagna1

There are some culinary first times you cannot forget. The first look, the first taste, the first time that you venture into cooking a new recipe. I do not remember the first time I tasted a lasagna but certainly I’ll never forget the first time I made one. I was about 17-18 years old and madly in love with my first boyfriend, Christian, despite on and off and the usual teenage love drama.
Needless to say, the thirty year old I am today has no regrets about love in those years! But back to the recipe, for Christian’s first birthday together I wanted to do things right and despite the outer looks of a misfit punk I’ve always been more of a Sicilian mother, the kind that fills your plate over and over. Being Christian anything but an easy person in the culinary field (I spare you his list of food fads, but I can only tell you that he didn’t eat tomatoes because: the skins bothered him, tomatoes are slimy and have annoying seeds) I gathered some informations before and found out his favorite dishes: Lasagna and carrot cake. To get it all right, I took Saturday off to cook all day long and asked my mother’s support. My mother’s support and her Pastamatic machine, the perfect combo! We spent the day preparing Bolognese sauce, béchamel and pasta sheets for our lasagna. Very patiently we rolled the dough as thin as we could, a flour and egg veil, taking care of not ripping the sheets apart. The same attention, if not more, was put into lightly cooking the lasagne. Probably some where broken in the process and a few cruelly slipped on the floor. I do not remember the details of the day we spent cooking, but for sure one episode is sealed in mind. The actual dinner. Everything was perfect, the table nicely set, the heart-shaped carrot cake in one corner and the lasagna triumphantly sitting in the middle. Filled with pride I served Christian and myself a nice slice of the heavenly dish. No reaction. Okay, well, he will be dazzled as soon as he tastes it, I thought. I sat there, the cutlery neatly on the sides of my plate. Watching him and waiting for a reaction after his first bite. Nothing. Ok, maybe he needs to must enjoy it quietly. Patience. Second forkful. Nothing. Staring at him I wondered how one can be so unaware of being under scrutiny. My eyes were practically glued on him and his plate. No reaction. Trying not to blurt out I politely asked, “How is it? . Shrug, neutral expression, monotone answer: “It’s good.” All those hours spent in the kitchen undercut by a neutral “It’s good” as if everything is obvious and normal. He got his share of insults, for sure. I told him that what we were eating was not a frozen store bought lasagna, it seemed to me that he was a little puzzled by the thinnes of the sheets, more or less 1/5 compared to that of frozen lasagna. The carrot cake went down better, but for one reason or the other since then I never ever ventured in the lasagna field again. It’s been almost 15 years. Finding myseld orphan after completing “Mission Millefeuille” I wondered what could be the next adventure for my “Mission Impossible” series on the blog. Given the huge amount of eggs my aunt’s hens produce I thought to myself that fresh pasta could be a nice new adventure. This is the first of a series of experiments that I hope will not prove to be too disastrous (I have memories of inedible pansotti). My second lasagna ever.

Buckwheat, Leeks and Prawns Lasagne
X 2 persons, 17×13 cm, 5 layers lasagna

Pastry
20 gr buckwheat flour
35 gr of semolina flour
45 gr AP flour (9 % protein)
1 egg
1/2 teaspoon salt

Sift the flours with the salt and place them on your working surface making a well in the center, where you will pour the beaten egg.
Gradually mix in the flour, using the tip of your fingers gently incorporating it.
When the flour is thouroughly mixed with the egg knead for about 10 minutes, until you get a smooth and elastic dough.
Wrap it in clingfilm and cover with a bowl, leaving it to stand for one hour.
Divide the dough into 4 pieces and pass between the rollers of the pasta machine up to number 2.
Just roll out the dough into rectangles, pressing it with your hands and pass it through the rollers with the larger opening.
The shorter side should be about 2/3 of the width of the pasta machine.
Fold the dough in three, on the shorter side and continue to pass between the rollers, reducing the opening until you get to number 2.
At one point you will have to split your rectangles in half to be able to keep rolling the dough, if you are working on your own.
If you are feeling adventurous try to roll them out the finest possible.
I noticed that with cooking the sheets they got thicker, but if you decide to roll them very thin be careful and gentle with the dough .
On the worktop cut the sheets to a size of about 13 x 17 cm, the remains of dough can be put together and re-rolled.
With these quantities I got 5 sheets, enough for a lasagna for two people.
Place the pastry on a lightly floured tea towel and cover with another floured cloth.
Leave to rest 2 hours.
Before cooking in the oven I suggest you cook the sheets for a minute in boiling water.
You can put them into the boiling water one at a time to prevent them from sticking to one another, and then fish them gently with a slotted spoon.
I, who feared the breaking of my lasagna, borrowed a lasagna-cooking tool.
It is a very handy gadget that saves a lot of anxieties.
It is important to remember to put the cooked sheets in a bowl with cold water, one at a time, to stop them from cooking and not to stick to one another or to the lasagna-cooking tool.

Filling
150 gr scampi
200 gr leeks, sauteed in a pan with a little oil and water until cooked
salt and pepper according to taste

Béchamel sauce
30 gr butter
20 gr flour
500 ml milk

Melt the butter in a pan and add the flour, mix thouroughly and cook a few minutes.
When the mixture begins to bubble add the cold milk, stirring with a whisk until all mixed in.
Cook over medium heat until the sauce thickens, stirring constantly with a whisk, and remove when it starts to set at the desired consistency.
With cooling it will become more dense.

Assembling
Grease a baking dish about 20 x 15 cm and put the first sheet of lasagna, cover with ¼ of the leeks and the prawns cut into pieces.
Cover with the béchamel sauce and proceed with the other layers.
The last sheet will be covered only with a béchamel sauce and the equivalent of about ½ cup grated Parmesan cheese, which will create a nice crispy crust.
Cook the lasagna in the preheated oven at 200 ° C for 30′, until golden brown.

lasagna2

Lasagna al grano saraceno con scampi e porri

Ci sono ricette di cui non possiamo scordare la prima volta. Il primo sguardo, il primo assaggio, la prima volta che ci siamo avventurati a riproporre una ricetta. Non ricordo la prima volta che ho assaggiato una lasagna ma di certo non potrò mai scordare la prima volta che ne ho fatta una. Avrò avuto 17-18 anni e un primo fidanzato, Christian, di cui ero follemente innamorata nonostante continui tira e molla e scene tipiche dei primi amori. Inutile dire che la trentenne di oggi non rimpiange affatto le dinamiche amorose di quegli anni! Ma torniamo alla ricetta, per il primo compleanno di Christian volevo fare le cose per bene. Nonostante ai tempi apparissi semplicemente come una punk disadattata in me è sempre albergata una madre siciliana, di quelle che ti riempiono il piatto allo sfinimento giusto per intenderci. Essendo Christian tutt’altro che una persona facile nell’ambito culinario (evito di fare la lista delle fisime alimentari ma vi dico solo che i pomodori non li mangiava perché: mi dà noia la pellicina, sono viscidi, hanno i semi) mi ero informata da tempo sui suoi piatti prediletti. Lasagna e torta alle carote. Organizzo tutto per bene, prendo il sabato libero per poter spignattare tutta la giornata ma soprattutto chiedo il supporto logistico di mia madre e della sua pastamatic. Il giorno scorre veloce tra la preparazione della salsa alla bolognese, la besciamella e le sfoglie per la lasagna, tirate finissime, praticamente un velo. Con pazienza certosina sfogliamo l’impasto, attente a non strapparlo o ripiegarlo s sé stesso. La stessa attenzione, se non maggiore, l’abbiamo nello sbollentare le sfoglie e anche se non ricordo sicuramente qualcheduna l’abbiamo persa durante il procedimento, magari spezzata mentre la toglievamo dal cuoci sfoglie oppure impietosamente scivolata sul pavimento. Non mi è dato ricordare, l’unica immagine stampata nella mente che ho è quella della cena. Tutto perfetto, la tavola imbandita e pure la torta di carote a forma di cuore. Tutta fiera di me porto la lasagna in tavola. Nessuna reazione. Ok, bene, vorrà dire che rimarrà folgorato dalla mia lasagna al primo assaggio. Servo le prime porzioni. Mi siedo e non mi muovo, le posate ben ordinate ai lati del piatto. Lo osservo, mentre lui ignaro di tutto ciò attacca la lasagna e procede al suo assaggio. Prima forchettata, nulla. Ok deve gustarla con calma. Pazienza. Seconda forchettata. Nulla. Lo osservo e mi chiedo come non faccia a sentire gli occhi praticamente incollati su di lui ed il suo piatto. Nessuna reazione. Cerco di non sbottare e gentilmente chiedo: “Com’è?”. Spallucce, espressione neutra, la risposta monotona: “È buona”. Così tutte le ore impiegate a sfogliare l’impasto, a cucinare ogni singolo ingrediente viene vanificato da un neutro “È buono” come se tutto fosse scontato e normale. Ricordo per certo di averlo tempestato di insulti. Di avergli detto che quella che aveva davanti non era una lasagna della Findus, mi pare di ricordare che fosse un poco turbato dallo spessore delle sfoglie, 1/5 rispetto a quello delle lasagne surgelate… Andò meglio con la torta di carote, ma io per un motivo o per l’altro le lasagne non le ho più fatte. Sono passati quasi 15 anni. Trovatami orfana della missione millefoglie mi sono chiesta cosa potessi fare sulla falsariga della mission impossible. E ho trovato una semplice risposta, viste le ingenti quantità di uova che provengono dalle galline di mia zia mi sono detta che avrei potuto provare a fare delle ricette di pasta fresca. Questa è la prima di una serie di esperimenti che spero non si rivelino troppo fallimentari (ho ricordi di pansotti immangiabili e dall’impasto fin troppo spesso). Lasagna di grano saraceno con scampi e porri.

Lasagne di grano saraceno ai porri e gamberi
X 2 persone, 1 lasagna di 5 strati di 17×13 cm circa

Sfoglia
20g di farina di grano saraceno
35 gr di farina di semola rimacinata
45 g. di farina bianca 00 (9% di proteine)
1 uovo intero
1/2 di cucchiaino di sale

Setacciare le farine con il sale e sul piano di lavoro fare una fontanella con un buco al centro dove versare le uova sbattute .
Mischiare con la punta delle dita incorporando mano mano la farina nell’uovo.
Quando la farina è mischiata con tutto l’uovo impastare per ul 10 minuti circa, finché si otterrà un impasto omogeneo ed elastico.
Avvolgere nella pellicola alimentare e coprire con un ciotola, lasciare a riposo per un’ora.
Dividere l’impasto in 4 parti e passare tra i rulli della macchina per pasta fino al numero 2.
Per stendere la pasta schiacciate dei rettangoli con le mani e passateli dai rulli con l’apertura maggiore.
Il lato più corto deve essere circa 2/3 della larghezza della macchina per pasta.
Ripiegate l’impasto a tre sul lato più corto e continuate a passare tra i rulli, diminuendo l’apertura mano mano.
Valutate quando dividere i vostri rettangoli in due metà e continuate a tirare fino al numero 2 della macchina.
Se vi sentite particolarmente avventurosi provate a stenderli più fini possibili.
In effetti ho notato che con la cottura le sfoglie sono diventate più spesse di come sembravano appena tirate, state attenti e siate molto delicati con l’impasto.
Sul piano di lavoro tagliate le sfoglie ad una grandezza di circa 13 x 17 cm, i resti di impasto potrete compattarli e ripassarli dal rullo.
Con queste quantità mi sono uscite 5 sfoglie, sufficienti per una lasagna per due persone.
Mettete le sfoglie su di un canovaccio leggermente infarinato e copritele con un altro canovaccio infarinato.
Lasciare riposare le sfoglie 2 ore.
Per la cottura consiglio di sbollentare sempre le sfoglie per un minuto in acqua bollente.
Potete metterle nell’acqua bollente una alla volta per evitare che si attacchino, e poi pescarle delicatamente con una schiumarola.
Io, che temevo non poco la rottura delle mie lasagne, ho preso in prestito una cuocisfoglia che altro non è che una serie di griglie forate poste a distanza di circa 4 mm l’una dall’altrasu cui si poggiano le sfoglie.
È un aggeggio molto comodo che risparmia molte ansie.
Importante è ricordarsi di mettere le sfoglie appena sbollentate in una ciotola con acqua fredda, una alla volta, per bloccare la cottura ed impedire che si attacchino al cuocisfoglia o tra di loro.

Ripieno
150 gr scampi
200 gr porri saltati in una padella con poco d’olio e acqua finché cotti
sale e pepe q.b.

Besciamella
30 gr burro
20 gr farina
500 ml latte

Sciogliere il burro in una padella e aggiungere la farina, mischiare per avere un composto uniforme e cuocere qualche minuto.
Quando il composto inizia a gonfiarsi e fare delle bolle aggiungere il latte freddo rimestando con una frusta, finché il composto è omogeneo.
Cuocere la besciamella su fuoco medio finché rapprende, mescolando sempre con una frusta, e togliere quando inizia ad avere la consistenza desiderata in quanti raffreddando diventerà più densa.

Assemblamento
Imburrate una pirofila di 20 x 15 cm e mettete la prima sfoglia, corpitela con ¼ dei porri e degli scampi tagliati a pezzi.
Coprite con besciamella e procedete con le altre sfoglie.
L’ultima sfoglia verrà ricoperta unicamente da besciamella e l’equivalente di circa ½ bicchiere di parmigiano grattuggiato, che creeranno una buona crosticina croccante.
Cuocere la lasagna in forno preriscaldato a 200°C per 30’ circa, finché dorata.

4 thoughts on “Buckwheat Lasagna with Scampi and Leeks / Lasagna al grano saraceno con scampi e porri

  1. Ciao, una ricetta interessantissima, la segno per le feste di Natale. Gustosa anche la sfoglia col mix di farine. Buona giornata.

  2. Che storia Lou! Gli uomini son quasi tutti uguali…anche al mio per estorcergli un commento che fatica!!!
    Sei stata bravissima…quando ho visto la lasagna pensavo di aver sbagliato! Mi son detta, vuoi che Lou non abbia impastato qualcosa di meraviglioso??? Ed invece scopro che ti sei data alla lasagna…
    Secondo me è riuscita benissimo e l’abbinamento porri e gamberi da manuale di cucina!!!
    Bacioni
    Silvia

    • Cara Silvia, grazie!
      Beh ogni tanto voglio fare anche delle ricettine che deviano dalla pasta madre, giusto per dare un po’ di movimento (e sconcertare i follower??? :D)
      Consiglio, se si é coraggiosi e pazienti, di sfogliare la pasta il più possibile, sicuramente con l’accoppiamento delicato di porri e scampi verrà ancora migliore ;)
      Un abbraccio grande
      Lou

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...